email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2020 Bright Future

Mladen Kovačević • Regista di Merry Christmas, Yiwu

"Volevo fare un film sulle complessità della Cina reale"

di 

- Abbiamo parlato con il regista serbo Mladen Kovačević, il cui ultimo documentario, Merry Christmas, Yiwu, è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Bright Future di Rotterdam

Mladen Kovačević  • Regista di Merry Christmas, Yiwu

Abbiamo incontrato il regista serbo Mladen Kovačević, il cui ultimo documentario, Merry Christmas, Yiwu [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mladen Kovačević
scheda film
]
, è stato presentato in anteprima mondiale all’International Film Festival Rotterdam, nella sezione Bright Future. Abbiamo parlato con il regista a proposito del film.

Cineuropa: Come ha scoperto Yiwu, e quando e perché ha deciso di fare un film su questo?
Mladen Kovačević: Sapevo di voler fare un film sulle complessità della Cina reale, non sulle sue curiosità – un film che esplorasse la vita quotidiana della gente comune senza ambizioni particolari. E sapevo anche di aver bisogno di una storia esplicita dal punto di vista cinematico, che potesse essere raccontata in modo organico e naturalistico. Poi ho sentito da un giornalista cinese della città di Yiwu, sede di oltre 600 fabbriche che producono più di due terzi delle decorazioni natalizie per il mondo intero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questi prodotti sono riconoscibili a tutti anche se sono in parte realizzati dalle mani dei lavoratori cinesi. Ci rimandano la sensazione delle feste familiari più intime, Natale e Capodanno. Tutto ha un'evidente rilevanza emotiva per il pubblico occidentale. È lo stato d'animo giusto con cui esplorare le vite dei cinesi che li realizzano con uno sguardo occidentale. Ciò che mi ha sorpreso delle proiezioni a Rotterdam è quanto si siano emozionati i cinesi presenti nel pubblico per il film. La mia intenzione iniziale di fare un film sulla Cina ordinaria e reale non è andata perduta nel processo; non abbiamo deviato lasciandoci sedurre da questo scenario straordinario.

Come ha avuto accesso a queste fabbriche e anche alle case dei protagonisti?
In termini di logistica, abbiamo avuto il supporto dei partner di produzione cinesi locali, che hanno facilitato la ricerca e l'accesso iniziali, mentre la troupe era prevalentemente cinese, che è stata un'altra risorsa importante: sembrava fosse una produzione cinese e quindi le persone erano meno sospettose. Inoltre, le fabbriche sono private, e fintanto che al proprietario della fabbrica non importava, non avevamo bisogno di ulteriori permessi.

Nella maggior parte dei luoghi in cui abbiamo girato, comprese le linee narrativeche non sono finite nel montaggio finale, i proprietari della fabbrica erano anche i personaggi del film. E poi, una volta stabilito un certo grado di fiducia, un passo molto naturale per raccontare la storia della vita quotidiana dei lavoratori e dei capi delle fabbriche è stato quello di continuare nelle loro case, che erano dormitori nella fabbrica o case adiacenti agli impianti. Questi personaggi vivono nell’"ambientazione cinematografica" delle fabbriche di Natale; le loro routine e le loro narrazioni personali sono interamente legate al tema del film, motivo per cui la narrazione nel suo insieme non ha dovuto essere forzata in alcun senso.

È un film sorprendente nel senso che non esplora fatti o eventi in un luogo e in un'industria che non sono mai stati filmati prima, ma presenta un certo stile di vita che è abbastanza estraneo al mondo occidentale.
Non credo che il cinema sia lì per informare o educare. Che sia documentario o fiction, il cinema è lì per fornire un'esperienza cinematografica, per raccontare una storia. Se impari qualcosa da questa esperienza, è fantastico. Quando mi interessano i fatti, leggo giornali o libri fattuali; al cinema, mi interessano le storie intime e, in effetti, lo stile di vita dei personaggi si rivela nella misura in cui la storia lo consente.

Queste fabbriche sono come grandi famiglie. I lavoratori spesso provengono dalla stessa regione remota e si ritrovano nella stessa fabbrica, finendo per lavorare e condividere i dormitori con i loro cugini e migliori amici. In queste fabbriche le coppie si incontrano, le famiglie si formano e i bambini crescono. I lavoratori possono permettersi gli iPhone più recenti ed è ovvio che queste fabbriche non sono laboratori clandestini, ma il lavoro negli stabilimenti è comunque duro. La produzione natalizia raggiunge il picco nei mesi estivi, quando la temperatura a Yiwu è di 40 gradi. Alcune fabbriche sono piene di fumi chimici provenienti da plastica e coloranti, e le particelle di glitter fluttuano nell'aria. Non c'è vera pace o privacy né nelle fabbriche né nei dormitori. Non è una vita facile, ed è per questo che la maggior parte dei giovani cerca opportunità altrove, e le opportunità nella Cina moderna sono ovunque.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy