email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2020 Concorso World Cinema Documentary

Iryna Tsilyk • Regista di The Earth Is Blue as an Orange

"Per un documentario, devi passare il più tempo possibile con i personaggi che ritrai"

di 

- Abbiamo parlato con la regista e autrice ucraina Iryna Tsilyk dopo l'anteprima mondiale del suo primo lungometraggio documentario, The Earth Is Blue as an Orange, a Sundance

Iryna Tsilyk  • Regista di The Earth Is Blue as an Orange
(© Sundance Institute)

Il documentario The Earth Is Blue as an Orange [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iryna Tsilyk
scheda film
]
è una produzione lituano-ucraina ed è stato presentato nell’ambito del concorso World Cinema Documentary al Sundance Film Festival di quest'anno, dove ha vinto il premio alla regia. In esso, la regista e autrice Iryna Tsilyk ritrae una famiglia che vive nella "zona rossa" del Donbass, e che è sufficientemente coraggiosa da affrontare le difficoltà della vita nonostante le ardue circostanze nella zona di guerra.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: Come ha trovato la famiglia protagonista del suo film?
Iryna Tsilyk: Abbiamo un progetto di volontariato molto interessante in Ucraina, che si chiama "Yellow Bus": diversi registi professionisti organizzano campus cinematografici e seminari per adolescenti nelle zone di guerra. Una volta sono andata lì come tutor e ho pensato di girare un film su questo fantastico progetto. Ma poi ho incontrato due ragazze, le sorelle Myroslava e Nastia Trofymchuk, in uno dei campus. Hanno invitato me e il mio team a visitare la loro casa in una piccola città chiamata Krasnohorivka [situata nella "zona rossa" del Donbass, una delle aree più pericolose e devastate]. Siamo arrivati ​​lì e ci siamo innamorati della loro famiglia. La madre delle ragazze, Hanna, è una madre single. Ha quattro figli in totale. Nel periodo 2014-2015, la famiglia ha dormito nella cantina della propria casa quasi ogni notte a causa dei bombardamenti. Nel 2017 è stata bombardata anche la scuola dove le ragazze studiavano. Ma nonostante tutte queste orribili circostanze, la famiglia è davvero allegra. Tutti i bambini suonano diversi strumenti musicali e girano film amatoriali su se stessi. Inoltre, Hanna ha imparato da sola a montare i film e aiuta i suoi figli a realizzare i loro video. Quindi, quando il mio DoP, il mio tecnico del suono ed io siamo andati lì all'inizio, ci siamo subito resi conto che potevamo girare un film su questa incredibile famiglia.

È ancora in contatto con loro? Che fine hanno fatto i diversi membri della famiglia?
Abbiamo ancora una relazione molto amichevole. Il mio sogno più grande era invitare Hanna, così come i suoi figli, a partecipare ad alcuni grandi festival. Hanna non è mai stata all'estero, quindi sogno di aprirle alcune porte verso altri mondi. Ma ci sono state alcune circostanze impreviste. Hanna aspetta un bambino e diventerà madre per la quinta volta! Quindi i festival per ora dovranno aspettare un po'. Ma sua figlia maggiore, Myroslava, è venuta alla prima mondiale al Sundance, unendosi alla troupe del film. Ora sta studiando per diventare direttrice della fotografia, quindi puoi immaginare quanto debba essere stato bello per uno studente partecipare a un festival così significativo.

Quanto sono durate le riprese? È stato pericoloso per voi?
Abbiamo osservato la famiglia per un anno. Siamo stati a Krasnohorivka più volte, abbiamo vissuto nella stessa casa dei nostri protagonisti, e poi siamo diventati loro amici e anche parte della famiglia. Mi sono resa conto che, per un documentario, devi fare in modo di passare il più tempo possibile con i personaggi che ritrai.

È difficile dire se fossimo davvero in pericolo. Una notte, una mina è volata sulla casa dei vicini, e un’altra troupe cinematografica che era lì l’ha filmata. Oltre a ciò, il Donbass non era una novità per me. Ero solita andare in prima linea per le mie performance poetiche; mio marito era un soldato delle forze armate ucraine. Inoltre, i miei film precedenti [i cortometraggi Tayra e Kid] parlavano di donne che combattevano durante la guerra. Mi sono abituata ai diversi suoni della guerra. Ma, sai, la sicurezza è una questione di fortuna lì. E fortunatamente, non sono mai stata in vero pericolo nel Donbass.

Sa che fine ha fatto il film realizzato dalla famiglia? È possibile che venga proiettato a un pubblico più vasto?
L'anno scorso, i nostri personaggi hanno tenuto una proiezione del loro cortometraggio 2014 per i residenti della loro città natale, Krasnohorivka, ma poi hanno deciso che il film doveva ancora essere migliorato. Pertanto, il processo è ancora in corso, il che è un peccato. Dato che il mio film è già finito, mi sono offerta di supportarli aiutando con i sottotitoli in inglese, per esempio. Spero davvero che possano finirlo, e insegnerò loro come fare domanda per partecipare ai vari festival studenteschi e di cortometraggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy