email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Panorama

Tizza Covi e Rainer Frimmel • Registi di Notes From the Underworld

"Le immagini in bianco e nero hanno il vantaggio di distrarre di meno lo spettatore"

di 

- BERLINALE 2020: Abbiamo conversato con Tizza Covi e Rainer Frimmel, registi del documentario Notes From the Underworld, presentato in anteprima nella sezione Panorama

Tizza Covi e Rainer Frimmel  • Registi di Notes From the Underworld
(© Tizza Covi e Rainer Frimmel)

Abbiamo parlato con i registi austriaci Tizza Covi e Rainer Frimmel alla Berlinale di quest'anno in occasione della première del loro documentario Notes From the Underworld [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tizza Covi e Rainer Frimmel
scheda film
]
nella sezione Panorama. Girato in bianco e nero, i registi si concentrano principalmente sulle storie di uno dei più famosi cantanti Wienerlied, Kurt Girk, e del suo migliore amico, Alois Schmutzer. I due sono stati testimoni di una storia alternativa della Vienna degli anni '60 che finora è stata trasmessa solo oralmente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quanto tempo avete dedicato alla ricerca per il film?
Rainer Frimmel:
Abbiamo iniziato più di dieci anni fa con la ricerca e i preparativi. Abbiamo trascorso molto tempo con i personaggi e abbiamo avuto bisogno di un po’ di tempo per costruire un rapporto di fiducia con loro. All'inizio, ci siamo semplicemente interessati all'argomento. Solo in seguito ci è venuta in mente l'idea di farne un film, per registrare le storie dei personaggi.

Era chiaro fin dall'inizio che il film sarebbe stato girato in bianco e nero?
R.F.:
Sì, lo era. Volevamo creare un'atmosfera specifica e pensavamo che il modo migliore per evocarla fosse il bianco e nero. Inoltre, tali immagini hanno il grande vantaggio che lo spettatore è meno distratto, poiché l'essenza del film è più concentrata.

Avevate girato molto di più rispetto a ciò di cui avevate bisogno, che poi avete tagliato nella versione finale?
Tizza Covi:
Sì, avremmo potuto fare un film di cinque ore con tutto il materiale che abbiamo girato. Abbiamo una gran quantità di materiale che descrive in modo più dettagliato il processo che l'amico del cantante ha affrontato in tribunale. Vedremo come possiamo usarlo per un progetto futuro.

Quali sono state le maggiori sfide che avete dovuto affrontare?
T.C.:
Dato che eravamo presenti in due durante le riprese, era importante che durante le interviste i protagonisti guardassero solo in una direzione e non spostassero la testa da una parte all'altra cercando di guardarci entrambi. Così spesso, uno doveva nascondersi dietro l'altro.
R.F.: Abbiamo girato su vera celluloide, il che significava che dovevamo sempre tagliare esattamente dopo 11 minuti. Era importante tenere a mente il tempo in modo da non perdere accidentalmente una dichiarazione importante quando dovevamo cambiare la pellicola.

Pensa che la tradizione del Wienerlied morirà con la morte del suo principale rappresentante? È una tradizione molto presente nelle vostre vite?
T.C.:
Girk rappresenta la vecchia tradizione, che incoraggia il pubblico a cantare tutti insieme. C'è anche una nuova tradizione, che offre un'esperienza più simile a un concerto di musica classica. In questo modo, una nuova generazione di cantanti ha riscoperto il Wienerlied e gli stanno dando una nuova vita. Sono cresciuta a Vienna, e per me ha sempre fatto parte della mia vita.
R.F.: Non sono cresciuto personalmente con la tradizione del Wienerlied, ma mi sono interessato molto rapidamente dopo essermi trasferito a Vienna.

Che cosa avete imparato o amato personalmente dell'esperienza di realizzazione del film e della narrazione dei protagonisti?
R.F.:
Dall'esempio di Alois, vedi come i media possono pregiudicare una persona senza avere alcuna prova. Un uomo innocente è stato vittima dell'influenza e del potere dei media di manipolare l'opinione pubblica, e di tutte le sue conseguenze. Questo è un fenomeno che può accadere a chiunque, in qualsiasi momento. È importante guardare più in profondità e dare un'occhiata più da vicino alle cose prima di condannare qualcuno.
T.C.: Sono rimasta davvero colpita dall'atteggiamento positivo del cantante Kurt nei confronti della vita. Mantiene il suo ottimismo di fronte a qualsiasi difficoltà.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy