email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Berlinale Special

Matteo Garrone • Regista di Pinocchio

"Il modo migliore per sorprendere le persone era tornare al libro originale"

di 

- BERLINALE 2020: Abbiamo incontrato Matteo Garrone per saperne di più del suo adattamento di Pinocchio, interpretato da Roberto Benigni, proiettato nella sezione Berlinale Special

Matteo Garrone  • Regista di Pinocchio

L’italiano Matteo Garrone è arrivato al 70° Festival di Berlino per una proiezione del suo Pinocchio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Matteo Garrone
scheda film
]
nella sezione Berlinale Special. Il film, interpretato da Roberto Benigni, è già uscito in Italia, dove ha riscosso un grande successo. Cineuropa ha incontrato il regista a Berlino per vedere se il suo naso sarebbe cresciuto rispondendo alle nostre domande.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché ha voluto fare un altro film su Pinocchio?
Matteo Garrone:
Perché no? Prima di tutto, ho realizzato il mio primo disegno, il mio primo storyboard di Pinocchio, quando avevo sei anni. Poi sono cresciuto con il Pinocchio di Luigi Comencini, la miniserie televisiva, quando avevo dieci o undici anni. Questa storia è stata accanto a me per tutta la vita. Dopo Il racconto dei racconti [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Matteo Garrone
scheda film
]
, volevo continuare il mio viaggio esplorativo attraverso questa dimensione delle fiabe.

È sempre stato un grande fan di Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, scritto nel 1883?
Circa cinque anni fa ho letto il libro per la prima volta. Leggendo il lavoro, ho scoperto che la storia era piuttosto sorprendente; c'erano molte cose che mi sembravano sconosciute, e c'erano molte cose che non ricordavo. Fu così che nacque la prima idea di renderla una sfida, perché quando crei Pinocchio, devi trovare un modo per fare qualcosa di sorprendente per il pubblico. Dopotutto, lo spettatore pensa di conoscere l'intera storia. Per me, il modo migliore per sorprenderli era tornare al libro originale.

Qual è la rilevanza di Pinocchio oggi?
Pinocchio è una storia che parla di noi; parla del passato perché è una storia di povertà, la storia di un povero contadino. Ma è anche una storia per il futuro perché parla dell'essere umano e della lotta per sopravvivere, per essere felice, per amare. È anche una bella storia d'amore tra padre e figlio. È così ricco e pieno di visione.

Può dire qualcosa di più sulla bella estetica del film e sulla decisione di usare un vero ragazzo per interpretare Pinocchio, piuttosto che usare il CGI?
Mi piace quando gli effetti speciali sono invisibili nel film. È importante, quando guardi un film, dimenticare la cinepresa, dimenticare tutto, e sei dentro questa dimensione parallela, questa dimensione magica in cui ti trovi con il personaggio. Mi piace usare gli effetti, in particolare le protesi.

Qual è stato il rischio più significativo?
Uno dei maggiori rischi è stato che nessuno di noi sapeva come Federico Ielapi, l'attore che interpreta Pinocchio, avrebbe reagito alle protesi per un periodo di tempo così lungo, perché aveva otto anni e si è sottoposto a quattro ore di trucco al giorno per tre mesi. Era un rischio significativo perché è sempre nel film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy