email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIBECA 2020

Anissa Bonnefont • Regista di Wonder Boy, Olivier Rousteing, né sous X

"La ricerca delle proprie origini è una questione viscerale"

di 

- Anissa Bonnefont parla di Wonder Boy, Olivier Rousteing, né sous X, suo primo lungometraggio documentario, nominato ai César e attualmente in concorso a Tribeca

Anissa Bonnefont  • Regista di Wonder Boy, Olivier Rousteing, né sous X

In concorso (e in prima internazionale) al 19° Festival di Tribeca attualmente in corso online per giurie e professionisti, Wonder Boy, Olivier Rousteing, né sous X [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anissa Bonnefont
scheda film
]
, il primo lungometraggio documentario della cineasta francese Anissa Bonnefont, ritrae il giovane direttore artistico di Balmain, star dell'alta moda mondiale alla ricerca della propria identità e dei genitori biologici.

Cineuropa: Wonder Boy, Olivier Rousteing, né sous X è nato dalla combinazione della sua storia personale e un incontro.
Anissa Bonnefont:
Esatto. Non sono un’appassionata di moda e mi è capitato di incontrare Olivier perché mia madre gli ha venduto la casa che vediamo nel film. Mia madre mi aveva raccontato un po' della sua storia e dato che la mia era un po' simile – anche se non sono passata per il DASS (Direzione degli affari sanitari e sociali), sono stata abbandonata da mio padre biologico quando avevo tre anni e all'età di 23 anni sono andata a cercarlo – ho chiesto a Olivier se avesse fatto questo passo. Mi disse che ci aveva provato, ma che aveva abbandonato la ricerca. Penso che Olivier non fosse abituato a essere trattato e a sentirsi parlare in modo naturale. Di conseguenza, abbiamo instaurato un rapporto intimo molto rapidamente. Gli ho anche chiesto se gli era mai stato proposto un documentario perché ci sono molti documentari sulla moda, e perché tutto si incastrava in modo che ci fosse una narrazione molto forte, tra la sua storia personale e il suo immenso successo per un uomo così giovane. È così che è iniziato tutto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quindi la sua intenzione era quella di seguire il suo percorso di ricerca dei suoi genitori biologici lavorando sul contrasto con il mondo della moda?
Ciò che mi interessava era la sua ricerca personale, ovviamente era necessario che avesse voglia di intraprendere questa ricerca e che io potessi seguirlo nella sua vita di tutti i giorni, quindi in questa arena iper eccitante che è la moda. Volevo mostrare questo contrasto, soprattutto da dove viene e cosa è riuscito a creare perché è un messaggio positivo per molti giovani che oggi non hanno un’appartenenza, che non riescono a trovare i loro parametri di riferimento, che non credono più in molto.

Che ci dice dell’incognita delle riprese visto che non sapeva se la ricerca delle sue origini sarebbe andata a buon fine?
È stata una vera scommessa. C'erano buone probabilità che non si trovasse nulla nel suo file. Ma ho trovato interessante mostrare esattamente cosa succede dal momento in cui un figlio abbandonato inizia la sua ricerca. Se c'è una cartella vuota, cosa succede? Ovviamente speravo che ci fosse qualcosa nel file che ci avrebbe permesso di andare avanti nella storia, anche se ciò avrebbe prolungato la durata delle riprese. Ma anche se non avessimo trovato nulla, sarebbe stato interessante perché dobbiamo anche mostrare i difetti di questo sistema. Perché la nascita in anonimato in Francia è ancora molto particolare. Le leggi stanno iniziando a muoversi, ma un tempo era molto arcaico.

Il film è una specie di introspezione in diretta.
Cercare le tue origini, voler conoscere la tua storia e da dove vieni, è estremamente forte, è una questione viscerale. Si trasforma in un'ossessione e ci si pone molte domande. Non conoscevo affatto Olivier Rousteing, solo di nome per il suo lavoro, ma ciò che immediatamente mi ha sorpreso, e mi sono detta che era molto importante includerlo nella narrazione, è la profonda solitudine della sua vita personale, questo silenzio quasi imbarazzante che regna in questa enorme casa dove si ritrova da solo dopo giornate in cui è circondato da gente, con rumore e musica tutto il tempo. Una solitudine completamente all'opposto di ciò che vedi su Instagram o quando leggi o ascolti le sue interviste.

Quale sarà il suo prossimo progetto?
Ho iniziato a girare, e spero di riprendere alla fine dell'estate, un documentario su Nadia Nadim, una calciatrice del Paris Saint-Germain che è di origine afgana e che ha dovuto fuggire dal suo paese all'età di dodici anni in seguito all'assassinio di suo padre da parte dei talebani. Un'altra storia di resilienza e un viaggio infernale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy