email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2020 Semaine de la Critique

Charles Tesson • Delegato generale, Semaine de la Critique

"Era assolutamente necessario essere presenti affinché questi film potessero esistere e riavviare la macchina il più rapidamente possibile"

di 

- Il delegato generale Charles Tesson racconta la genesi del Label Semaine de la Critique Cannes 2020 e commenta la sua selezione di lungometraggi

Charles Tesson  • Delegato generale, Semaine de la Critique
(© Aurélie Lamachère)

Charles Tesson, delegato generale della Semaine de la Critique, in assenza di un'edizione fisica 2020 sulla Croisette, ci parla della selezione di cinque lungometraggi con l'etichetta di Cannes (leggi la news).

Cineuropa: Quando e perché ha deciso di assegnare l’etichetta ad alcuni film per questa Semaine de la Critique 2020 Hors Les Murs?
Charles Tesson:
Il 16 aprile, quando abbiamo annunciato con le altre sezioni parallele la cancellazione di un'edizione fisica a Cannes, stavamo completando la nostra selezione e abbiamo immediatamente dichiarato che ciò non significava che avremmo fermato tutto e lasciato andare i film. Avevamo una lista ideale sulla carta e abbiamo chiamato tutti gli interlocutori dei film, i produttori e, quando c'erano, i venditori internazionali e i distributori, per scoprire se volevano il nostro supporto fuori dal festival. È diventato tutto un po' più chiaro quando abbiamo constatato che quelli che erano più interessati a un'etichetta erano dei film francesi presenti nel catalogo di distributori che sapevano che avrebbero dovuto farli uscire prima dell’arrivo di altri titoli nel 2021. Le discussioni hanno richiesto del tempo perché molti inizialmente erano orientati a posticipare al 2021 e perché nessuno aveva una chiara idea di quando i festival sarebbero ripresi in condizioni normali. Si trattava di accettare l'etichetta, tentare la fortuna con altri festival come Sundance e Berlino, oppure rimandare tutto a Cannes 2021. Il Label tuttavia ha preso forma gradualmente e un altro aspetto quando abbiamo ricevuto una proposta dal festival di Angoulême per una carta bianca ai film francesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Una parola sul film britannico selezionato, After Love [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aleem Khan
scheda film
]
di Aleem Kahn.

È un film che esce un po’ dalla scuola inglese del realismo crudo. Qui, siamo più su un cinema estremamente esperto, classico, che gioca su una fibra quasi melodrammatica. È la storia di una donna inglese che ha sposato un uomo pakistano e che si è quindi convertita all'Islam (indossa il velo, ha cambiato il suo nome) e che, alla sua morte, scopre che il marito ha avuto un'altra vita con un'altra donna, un'altra donna che lei vedrà come una specie di specchio della sua stessa vita, di una vita che avrebbe potuto avere e non ha avuto. È molto bello, commovente e raccontato molto bene con un'ottima attrice, e molto forte sulla questione delle scelte di vita e di come una vita possa improvvisamente crollare e cambiare.

Dal Pakistan, si passa al Libano con Sous le ciel d'Alice di Chloé Mazlo.
È un film audace, poetico e creativo. Il personaggio interpretato da Alba Rohrwacher vive in Svizzera, parte per fare la babysitter a Beirut e si innamora di un libanese. È quindi un’esiliata e si trova a confrontarsi con la prima guerra del Libano (contro la Siria nel 1975-1977) con suo marito, la cui famiglia pensa solo a una cosa: andare in esilio. Il film è trattato attraverso la sensibilità di questa donna il cui romanticismo ricorda in qualche modo le eroine alla Duras o alla Akerman. Soprattutto, è un film con inventiva formale e poetica, che mescola l'animazione in plastilina, uno sfondo quasi da cartolina esotica rétro e un lato da teatro dei burattini, perché tutto è girato in una casa che è un po' il teatro del Libano e della nazione.

La sua selezione include un’altra regista con De l’or pour les chiens [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anna Cazenave Cambet.
Non è un film conformista, né benpensante. Seguiamo il percorso di un'adolescente, ingenua, ubriaca di amore e sesso. È un film sconcertante e imprevedibile, una sorta di romanzo di formazione su una ragazza che nel suo avido desiderio dell'altro scopre se stessa e si costruisce. È davvero molto forte con una grande attrice, Tallulah Cassavetti, nel suo primo ruolo da protagonista.

E cosa ci dice del film fantastico La Nuée [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Just Philippot?

A volte, quando si provano a trapiantare elementi diversi si generano disastri, ma in questo caso è il trapianto che rende il film interessante. Il regista prende tutti i canoni del film horror, dell'invasione di animali, la loro proliferazione, la minaccia, i pericoli. Il film è onesto: promette locuste e ci saranno locuste. Ma quello che mi piace è anche il contesto che vediamo in molti film di oggi, quello del mondo rurale e contadino. Ci sono questi temi "alla moda" sull'agricoltura biologica, il cibo di domani, le farine animali, ecc., ma c'è anche tutto un aspetto sulla dipendenza dal lavoro, la corsa alla sovrapproduzione, che è di per sé un altro horror; e la miscela dei due funziona molto bene.

Siamo in campagna anche in La Terre des hommes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Naël Marandin
.
Sì, ma diversamente. Anche qui ci sono due temi, ma sono la politica agricola e le molestie sessuali, il ricatto. Si tratta di una giovane coppia di agricoltori che ha un progetto moderno e unico, quindi il tema di come si può pensare oggi all'agricoltura in modo diverso, con il necessario sostegno politico ed economico. Questo aspetto è associato all'idea d’impresa. È un film estremamente ben scritto e interpretato molto bene con una formidabile Diane Rouxel nel ruolo principale.

È tutto molto allettante, ma immagino che lei abbia comunque qualche rimpianto per non aver potuto organizzare una Semaine de la Critique tradizionale.
È vero che è molto difficile elaborare la mancanza di un'edizione di Cannes. È quando vedi che non può aver luogo che misuri davvero tutto ciò che porta. Stavolta, tutto si svolgerà in periodi successivi tra il Label, il lavoro dei venditori, quando la stampa internazionale potrà vedere i film e parlarne, il rapporto con il pubblico. Di solito, a Cannes, tutto è concentrato in uno, nella stessa congiunzione di tempo e luogo con il grande potere del passaparola. Stavolta i film non avanzeranno allo stesso modo, ma nel contesto attuale in cui bisogna far ripartire le sale e ridare al pubblico il gusto dei film, in particolare di film che richiedono un accompagnamento come le opere prime e il giovane cinema d’autore, era assolutamente necessario essere presenti affinché questi film potessero esistere e riavviare la macchina il più rapidamente possibile: questo è fondamentale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy