email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

NIFFF 2020

Anaïs Emery • Co-fondatrice e direttrice artistica, NIFFF

"Parliamo sempre della magia del cinema, ma è fondamentale mostrare come la si crea"

di 

- Abbiamo parlato con Anaïs Emery, co-fondatrice e direttrice artistica del Festival internazionale del film fantastico di Neuchâtel, al termine della sua ultima edizione come direttrice

Anaïs Emery  • Co-fondatrice e direttrice artistica, NIFFF
(© Miguel Bueno)

Nominata direttrice esecutiva e artistica del Festival internazionale del cinema di Ginevra, Anaïs Emery, co-fondatrice e direttrice artistica del Festival internazionale del film fantastico di Neuchâtel (NIFFF), si gode la sua ultima edizione dell'evento dedicato al cinema di genere, che è stato spostato online quest’anno con l’intento di celebrare nel modo giusto il suo 20° anniversario l'anno prossimo. Beh, forse non è la sua ultima edizione. "Tornerò", dice. "Tra il pubblico!".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Dai primi numeri, sembra che il suo pubblico abbia apprezzato l'idea di un festival online. È un formato che incoraggia nuove soluzioni: mi è piaciuta l'idea di far parlare Luca Guadagnino dalla sua auto!
Anaïs Emery:
Il nostro obiettivo era organizzare un festival fisico. Poi abbiamo avuto un periodo di riflessione, che ha coinvolto anche i nostri colleghi internazionali, e alla fine abbiamo deciso di andare avanti come un ecosistema composto da NIFFF TV, andando online ogni giorno alle 21:00, 20 film pay-per-view sulla piattaforma e un’applicazione, che funge da strumento per comunicare con il nostro pubblico.

Quando la pandemia è esplosa, eravamo già pienamente impegnati nell'organizzazione della nostra 20ma edizione e abbiamo usato quel network esistente per renderla il più interessante possibile, raggiungendo Eli Roth, Nicolas Winding Refn e così via. È stata una buona scusa per intervistare molte persone sull'evoluzione del genere fantastico, che penso sia un argomento affascinante, dato che è cambiato molto. Il genere sta diventando più facile da "trattare", per così dire, si sta facendo strada nei grandi blockbuster di Hollywood e nei film d'autore prestigiosi. Detto questo, alcuni registi sono ancora guardati dall'alto in basso. È strano, ma questi ultimi anni sono stati davvero dinamici.

Qualche anno fa, ha menzionato l'importanza di sostenere l'inclusione nel cinema di genere, andando oltre il "club per ragazzi", cosa che ha fatto anche al festival. Pensa che le cose siano cambiate?
L'intera industria cinematografica è un "club per ragazzi", e questo è già un problema. La comunità del genere ha fatto alcuni sforzi per aprirsi, e abbiamo avuto alcuni grandi film diretti da donne, come Julia Ducournau o Jennifer Kent. Penso che le cose si stiano muovendo nella giusta direzione, ma abbiamo bisogno di più rispetto e maggiore flessibilità. Basta ascoltare la nostra intervista con Connie Nielsen, che parla di #MeToo e delle condizioni di lavoro per le giovani attrici. Le donne hanno bisogno di maggiore credibilità e sicurezza nella loro carriera e nell'industria cinematografica. Vedo cambiamenti e ne sono felice. Ma c’è ancora molto da fare.

I grandi anniversari offrono la possibilità di guardarsi indietro. È lo stesso nel suo caso? C'è qualcosa che è particolarmente orgogliosa di aver realizzato? Ricordo che ha raccontato il momento in cui ha pianto incontrando Ray Harryhausen.
Sono orgogliosa del fatto che, come donna, sia durata tanto da vedere il festival evolversi. Sono felice di vedere cosa è diventato. Ovviamente ho rimpianti – sono una perfezionista. Ma il NIFFF ha un concept che lo contraddistingue. Non abbiamo dovuto prendere il posto di qualcuno; abbiamo trovato il nostro percorso. Sì, è stato meraviglioso incontrare tutte queste persone che hanno avuto un ruolo importante nella costruzione della mia personalità, ma presentarle al pubblico è stato probabilmente la cosa più toccante. Vedere Harryhausen durante la sua masterclass, con tutti questi ragazzini in ascolto, è stata una bella sensazione. Parliamo sempre della magia del cinema ed è importante mantenere il fascino delle storie. Ma credo davvero che sia anche cruciale – e questo è il ruolo di un festival – mostrare come racconti e come la crei questa magia.

Di solito, i festival sono divisi: c'è un tappeto rosso e un ingresso posteriore. Ma il NIFFF ha la reputazione di mettere tutti allo stesso livello.
Ci sono diverse ragioni per questo. Abbiamo iniziato in piccolo: penso che durante la nostra prima edizione, ci fossero 3.000 persone. Poi si è evoluto, ma abbiamo sempre voluto organizzare un festival senza tappeto rosso e mantenere intatta quella vicinanza. Essere in Svizzera, in una piccola città durante l'estate, probabilmente ha anche aiutato. Spero che queste radici rimangano protette in un certo senso, questa attenzione alla libertà e alla vicinanza. Molte persone hanno già espresso la speranza che rimanga un festival sovversivo, poiché puoi crescere e al contempo mantenere intatta questa mentalità. Conoscerla è il primo passo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy