email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2020 Concorso

Mika Kaurismäki • Regista di Gracious Night

"C'è il coronavirus, ma c'è anche il Corona Bar"

di 

- Il regista finlandese Mika Kaurismäki ci assicura che solo i migliori vini sono stati bevuti durante la realizzazione di Gracious Night, proiettato a Tallinn

Mika Kaurismäki • Regista di Gracious Night
(© Kurt Krieger)

Nel titolo in concorso al Tallinn Black Nights Gracious Night [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mika Kaurismäki
scheda film
]
, che lo vede ritrovare il cast di Three Wise Men [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del 2008, Mika Kaurismäki mostra tre uomini poco saggi che si riuniscono durante la pandemia, trovando rifugio nel suo Corona Bar con sede a Helsinki. Prima che la notte finisca, avranno scoperto più cose l'uno sull'altro di quanto si aspettassero. Per fortuna, le bevande le offre la casa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: Ha trovato un modo per fare qualcosa durante questo lockdown, a quanto pare. Come è cominciato?
Mika Kaurismäki:
Dopo Three Wise Men, abbiamo sempre parlato di fare un altro film usando lo stesso metodo, e in realtà avevamo iniziato a farlo l'anno scorso. Avremmo dovuto girare a Dubai e far incontrare questi uomini finlandesi in qualche bar, parlando delle loro crisi personali. A marzo, stavamo ancora programmando di andare lì e cercare le location, e poi è arrivato il lockdown. Il motore era già scaldato e gli attori avevano lavorato sui loro personaggi, quindi abbiamo deciso di aggiustare il tiro. C'è il coronavirus, ma c'è anche il Corona Bar. Sembrava una buona combinazione.

Le riprese sono state veloci e tutto è stato improvvisato. Non esiste una sceneggiatura scritta, e i personaggi non conoscono i loro backgound – ho lavorato con ogni attore separatamente. Quando la macchina girava, dovevano capire cosa stava succedendo, proprio come nella vita reale: incontri uno sconosciuto in un bar e alla fine scopri di più.

Le hanno proposto qualche idea prima? Alcune di esse sono piuttosto estreme.
Ne abbiamo discusso e poi abbiamo deciso insieme. Le riprese sono state molto lunghe, fino a un'ora, e niente veniva mai ripetuto. Avevano delle idee, e io dovevo vedere se era la direzione giusta da prendere, altrimenti l'intera cosa sarebbe sfuggita al controllo. Non tutti gli attori possono farlo, ma questi ragazzi sono molto, molto bravi.

Tornare alla stessa idea al centro di un film del 2008 poteva essere molto particolare. Cosa l’ha portata a fare questa scelta?
Ci incontriamo molto spesso e parliamo di cose, proprio come amici, e invecchiando non ci sono molti ruoli interessanti. Loro desideravano fare qualcosa in cui poter creare un personaggio. Fare un film come questo può essere molto terapeutico. Non ci sono soldi né copione, ma c'è libertà. Abbiamo bevuto vino vero, il migliore che avevamo nel bar. Ma non volevo che si ubriacassero e facessero un film islandese, con tutti ubriachi e che si comportassero da idioti. Non si tratta di alcol e non si tratta di pandemia – si tratta dei loro problemi. All'inizio, il nostro film si chiamava Corona by Night. Intendevo il bar, ma non volevo spaventare la gente! A tutti noi piace John Cassavetes, tutti questi film improvvisati come Mariti o Volti. Ci siamo ispirati a lui.

Tutta l'azione del film avviene attraverso le loro storie. Ci sono dei ragazzini che entrano nel bar chiedendo birra, nient’altro.
Volevamo che queste storie fossero diverse. Una volta che sanno che uno di loro è colpevole di qualcosa, cambia l'umore. Quando stavo montando, e mi ci è voluto un po' di tempo, non volevo che le persone si annoiassero. Ma le persone possono ascoltare venti minuti di dialogo se è interessante, e finora nessuno si è lamentato. Anche se non è certamente per i giovani che cercano esplosioni e azione. È come uno spettacolo teatrale in un certo senso, con questa tenda rossa che abbiamo nel bar.

Quando abbiamo realizzato il film, nessun altro stava facendo nulla, a causa delle restrizioni. Ma eravamo una squadra così piccola, fondamentalmente abbiamo girato un filmino casalingo. In realtà avrei voluto che più persone venissero al bar, alcuni personaggi strani, ma a causa del COVID-19, non ho potuto organizzarlo. Quelli che lo fanno sono i figli degli attori.

Sembrano molto a loro agio l'uno con l'altro. Dopo così tanti anni, presumo non abbia dovuto lavorare sulla loro chimica.
Non è il tipo di film che ha tutti questi "assoli jazz" e dove puoi fare quello che vuoi – devi costruire su quello che ha appena detto l'altro attore. Questa libertà non è assoluta, ma penso che questo metodo funzioni. Volevamo creare un'atmosfera che sembrasse reale, autentica. Per me è stato un po' come girare un documentario. Ho dovuto osservare questi ragazzi e reagire a quello che stavano facendo con la telecamera.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy