email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Irlanda

Paddy Slattery • Regista di Broken Law

"Sentivo che il cuore pulsante della storia erano i due fratelli ai lati opposti della legge"

di 

- Abbiamo parlato con lo sceneggiatore-regista irlandese, il cuo film è in uscita su Netflix nel Regno Unito ed in Irlanda domani, 13 gennaio

Paddy Slattery  • Regista di Broken Law
(© Nina Val)

Cineuropa ha parlato con Paddy Slattery, lo sceneggiatore e regista di Broken Law [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paddy Slattery
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale al Virgin Media Dublin International Film Festival lo scorso anno. La storia è incentrata su due fratelli ai lati opposti della legge: Joe (Graham Earley), un ex detenuto, e David Connolly (Tristan Heanue), un poliziotto molto rispettato. Broken Law uscirà su Netflix Regno Unito e Irlanda domani, 13 gennaio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quando ha cominciato a lavorare su Broken Law?
Paddy Slattery:
La prima bozza era stata scritta alla fine del 2009. Era molto diversa da quella che vediamo oggi. Fondamentalmente avevo scritto una bozza della sceneggiatura che era molto simile a Magnolia di Paul Thomas Anderson. Era un pezzo collettivo sulle esistenze intrecciate e su come la paura avesse un ruolo nelle nostre vite. Negli anni ho imparato a fare film girando dei cortometraggi e nel 2017 ho deciso di rivedere la sceneggiatura. Per motivi di budget, non abbiamo potuto aumentare l'importo richiesto per attenerci al concetto originale. Quindi ho sentito che il cuore pulsante della storia erano i due fratelli ai lati opposti della legge.

Il film è stato realizzato con un budget molto limitato: quanto ha speso?
Abbiamo iniziato raccogliendo fondi attraverso una campagna di crowdfunding su Indiegogo, e questo è bastato appena per dare il via al progetto. Poi abbiamo raccolto altro budget tramite finanziatori privati, ​​e Screen Ireland ha aggiunto i fondi per il completamento. Il nostro budget complessivo era di 150.000 euro, il che è straordinario, considerando che il valore della produzione reale è di circa un milione di euro. Con questo voglio dire che se il nostro cast e la troupe ci avessero addebitato le loro tariffe standard, quello sarebbe stato il vero budget. Non avremmo potuto farcela senza la loro generosità.

Come è entrato in contatto – e ha iniziato a lavorare – con Narayan Van Maele, direttore della fotografia del film?
Narayan ha realizzato alcuni cortometraggi con Failsafe Films e ha anche girato alcuni film con Tristan Heanue. Tristan non è solo il nostro attore protagonista in questo film, ma è anche un regista e uno scrittore a pieno titolo, e ha lavorato con Narayan in passato. Quindi in qualche modo ci conoscevamo tramite cerchie comuni. Ho incontrato Narayan e abbiamo condiviso la stessa visione cinematografica, quindi quando ho saputo che avevamo il nostro budget, gli ho chiesto se fosse interessato, e per fortuna lo era. Sono stato davvero fortunato ad averlo disponibile quando è arrivato il momento: è relativamente giovane, ma è uno dei migliori DoP qui in Irlanda.

Quanto tempo ci è voluto per le riprese?
Abbiamo fatto 16 giorni di riprese, suddivise in quattro settimane, perché fisicamente – sono tetraplegico – non sarei stato in grado di sostenere giornate di riprese molto intense e consecutive. Quindi avevamo quattro giorni di lavoro e poi tre giorni di riposo. Ed era l'autunno del 2018... Dopo il montaggio nel gennaio 2019, ci siamo resi conto che c'erano alcuni elementi che non funzionavano, quindi abbiamo dovuto aggiungere altri due o tre giorni di riprese. Quindi, nel complesso, ci sono voluti 18-19 giorni.

Come ha scelto i due protagonisti?
Tristan è stato scelto fin dalle prime fasi di sviluppo. Lo paragono sempre a un giovane Henry Fonda; amo il suo aspetto da "classico hollywoodiano", ma può anche apparire come un personaggio moralmente ambiguo. Con Graham, abbiamo deciso di girare un promo di tre minuti del film, e l'ho scelto come attore per quel video. Ma gli stavo segretamente facendo un provino. Inoltre, lui sapeva che essere scelto era un'opportunità per lui. Così abbiamo girato il promo nel corso di una giornata, e alla fine, Tristan ed io sapevamo che c'era un brillante cameratismo creativo. Quella sera, prima di stringerci la mano e salutarci, ho detto a Tristan: "Penso che abbiamo trovato il nostro Joe, quindi facciamo il nostro film".

Quali sono state le principali sfide del progetto?
I soldi e la salute. Non ho la resistenza fisica di qualcuno completamente abile, quindi è stata dura. Avevamo due precedenti versioni del progetto che sono andate all’aria all’ultimo momento prima delle riprese. Al terzo tentativo, mi sono preparato fisicamente e mentalmente. Alla fine ce l'abbiamo fatta. Durante i due tentativi precedenti, ero quasi crollato emotivamente. Ci sono state volte in cui ho pensato: "Non credo che riuscirò mai a farlo". È stato difficile cercare di andare avanti. Finanziariamente, siamo stati davvero ostacolati sotto ogni aspetto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy