email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Concorso World Cinema Dramatic

Jakub Piątek • Regista di Prime Time

"Facevamo spesso riferimento alla valigia di Pulp Fiction: non sai nemmeno cosa ci sia dentro"

di 

- Abbiamo parlato con il regista polacco del suo primo lungometraggio, che ruota attorno a un sequestro in uno studio televisivo

Jakub Piątek • Regista di Prime Time

Mentre il mondo si prepara a entrare nel nuovo millennio, Sebastian (Bartosz Bielenia) sequestra uno studio televisivo, prendendo due ostaggi: una nota presentatrice e una guardia di sicurezza. Il suo piano è semplice: vuole trasmettere il suo messaggio agli spettatori. Ma prima qualcuno deve accettare il nuovo programma. Questa è la trama del primo lungometraggio di Jakub Piątek, Prime Time [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jakub Piątek
scheda film
]
, proiettato al Sundance.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Molte persone ricorderanno il capodanno del 1999 e le aspettative che lo circondarono, come se un mondo nuovo e coraggioso stesse per iniziare. Mostra anche queste reazioni, tramite le immagini che sfilano sugli schermi.
Jakub Piątek:
A quel tempo avevo 15 anni, quindi quello potrebbe essere stato il primo capodanno che non ricordo [ride]. Quando abbiamo guardato negli archivi, quello che mi è piaciuto è che successe veramente di tutto. Le più grandi star si esibivano, Giovanni Paolo II benediceva tutte queste persone ubriache – era totalmente assurdo. Mia madre andò in banca per avere una sorta di prova di quanti soldi avesse nel suo conto, per paura del "millennium bug". Ci credevi davvero! Mi è piaciuta l'idea di organizzare questa grande festa, da qualche parte fuori dalla nostra "scatola".

Esatto: accadono così tante cose, ma non nello studio vero e proprio. Quando si sente parlare per la prima volta del film, ci si potrebbe aspettare The Network di Lumet. E invece siamo più dalle parti di Aspettando Godot, o meglio, “aspettando il presidente”.
Durante lo sviluppo di questo film, abbiamo incontrato molte resistenze che si riducevano a: "Ma lui non dice nulla". Ora, mentre leggo le prime recensioni, vedo che funziona per alcune persone e che altri lo considerano il suo più grande svantaggio. Ci riferivamo spesso alla valigia di Pulp Fiction. Non sai nemmeno cosa ci sia dentro, eppure tutto funziona. Stavamo cercando storie simili accadute in diversi paesi, e anche in Polonia, nessuno sa quale fosse la motivazione di questo ragazzo. Era qualcosa che volevo mantenere, anche se la nostra storia è molto diversa. All'inizio volevamo aggiungere una sorta di reportage: varie persone, compresa sua madre, che parlavano di Sebastian. Questa è stata la prima cosa che abbiamo tagliato. E per quanto riguarda l'attesa, il film è stato progettato come una staffetta. Una persona inizia, poi passa il testimone al negoziatore, poi al padre di Sebastian e così via.

Potrebbe essere vista come una reazione polacca a una crisi: "Mi dispiace, ma non fa parte delle mie mansioni". In un film americano, probabilmente ognuno vorrebbe essere subito un eroe, no?
Sono contento che lei dica che è qualcosa di intrinsecamente "polacco", perché queste persone non sono addestrate come i loro colleghi americani. Abbiamo avuto una serie di consultazioni durante la preparazione del film: abbiamo incontrato un comandante in pensione, e non era Denzel Washington, pronto a prendere in mano la situazione. Ha detto: "Con un caso del genere, dovresti fare un sacco di telefonate". Le nostre unità antiterrorismo dovevano sempre spiegare tutto; non potevano nemmeno permettersi granate stordenti, quindi se qualcuno avesse iniziato a fare pressione su di loro in quel modo, avrebbero preferito andare a casa, festeggiare il capodanno e mangiare insalata di aringhe. Detto questo, alcuni giorni fa, sono stato contattato dal negoziatore che era presente quando il fatto è successo davvero in Polonia. Ero così eccitato che ho chiamato tutti i miei attori prima di rispondere, e lui ha detto: "Anch'io – ho chiamato anche il mio amico che era lì".

Sarebbe stato molto più facile per Sebastian diffondere il suo messaggio ora, dato che tutti sembrano avere una sorta di "piattaforma". È passato un po' di tempo dall'ultima volta che abbiamo visto qualcuno così disperato davanti a una telecamera.
Sono cresciuto guardando la televisione;è così che ho scoperto il cinema.Ora, la prima cosa che vedi su Facebook è questa domanda: "A cosa stai pensando?".Vuoi condividere tutto subito.Allora, c'era una certa gerarchia e la televisione era il Monte Olimpo.Se eri lì, eri importante.Abbiamo incontrato molte personalità televisive e una famosa presentatrice ci ha detto che quando entrava nel negozio, tutti si limitavano a fissarla e a parlare del suo aspetto come se lei non fosse lì.Non era umana, era qualcuno che avevano visto in TV.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy