email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2021 Concorso Tiger

Marta Popivoda • Regista di Landscapes of Resistance

"Nel mio lavoro mi occupo sempre della tensione tra memoria e storia"

di 

- La regista serba ci parla della genesi del suo film in programma a Rotterdam, della scelta di non utilizzare filmati d'archivio e altro

Marta Popivoda • Regista di Landscapes of Resistance
(© Maja Medic)

Abbiamo parlato con la regista serba Marta Popivoda, il cui secondo lungometraggio documentario Landscapes of Resistance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marta Popivoda
scheda film
]
ha avuto la sua prima mondiale nel concorso Tiger dell’International Film Festival Rotterdam di quest’anno.

Cineuropa: Che cosa la ispira nella storia della Jugoslavia, e cosa c'è nella storia di Sonja che l’ha spinta a fare il film?
Marta Popivoda:
Per me, la Jugoslavia socialista è un progetto politico entusiasmante, e per l'epoca era uno stato sovranazionale molto progressista. Inoltre, la Jugoslavia ha avuto la sua autentica rivoluzione socialista! Ci ha dato idee di antifascismo, il movimento non allineato, l’autogestione dei lavoratori e un'idea generale di giustizia sociale. Ma abbiamo anche avuto l'amara esperienza del parziale fallimento pratico di alcune di queste idee.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Ecco perché per me la Jugoslavia è un'ispirazione e un monito, se la intendiamo come proposta politica e ideologica, e non come territorio. Diventa particolarmente rilevante oggi che viviamo nel cosiddetto capitalismo neoliberale e assistiamo a una radicalizzazione della società di classe – nella regione dell'ex Jugoslavia, che può essere definita "capitalismo selvaggio" – che cancella il settore pubblico e l'idea stessa di giustizia sociale.

Ciò che mi ha spinto a realizzare questo film è quanto sia potente e suggestiva la narrazione di Sonja, come le sue storie incarnino e riflettano molte idee che la mia co-autrice Ana Vujanović ed io troviamo importanti per la nostra vita e il nostro attivismo: solidarietà, collettivismo, auto-organizzazione, cameratismo e l'agenda politica della gente comune. Inoltre, la storia e l'esperienza di Sonja presentano il "volto femminile della guerra" come descritto da Svetlana Alexievich, dove conosciamo cose che non sono entrate nelle narrazioni macrostoriche patriarcali dominanti. Conosciamo la quotidianità della guerra e com'è essere una donna in guerra, avere le mestruazioni, perdere il tuo amante, combattere fianco a fianco con i tuoi amici e persino come ci si sente a uccidere una persona.

Perché ha deciso di non servirsi dei filmati d'archivio, e come ha ideato l'intero concept per il film?
Volevo stare lontano dalle immagini che già conosciamo. La narrazione di Sonja è così suggestiva che mentre parla, crea immagini nelle nostre teste. Le abbiamo chiamate "immagini verbali". Ho voluto dare spazio a queste immagini/scene e confrontarle con paesaggi che testimoniano queste storie. Questa era la principale idea di regia.

Ero anche interessata a diversi modi di produrre un paesaggio – un corpo come un paesaggio, per esempio. La storia di Sonja è unica e speciale. Anche se è ambientata in un contesto noto, scopriamo dettagli che non sono mai stati considerati importanti dalle grandi narrazioni della guerra, eroiche e prevalentemente maschili.

Per me, questo non è un film storico, ed è stato così dall'inizio. Nel mio lavoro mi occupo quasi sempre della tensione tra memoria e storia. Significa che i miei film riguardano più il momento attuale, così come la storia che noi, sceneggiatori, vogliamo investire nel nostro futuro.

Le scene di dissolvenza incrociata sono incredibilmente sottili e belle. Come è arrivata a questo e come lo ha eseguito?
Mi interessavano i principi dei paesaggi cubisti e costruttivisti nelle arti visive e il modo in cui possono essere tradotti in media basati sul tempo, come il cinema e le immagini in movimento. Volevo contribuire al paradigma del cinema di paesaggio e aggiungervi una nuova dimensione. Mi interessava anche risolvere cinematograficamente il problema di come si può abitare un paesaggio con diverse prospettive o sguardi allo stesso tempo. Considero questa una questione politica essenziale.

Questo è nato dagli scambi tra me ed Ana sul suo concetto di "drammaturgia del paesaggio". Poi, ho fatto alcuni esperimenti visivi e quando ho ideato alcuni principi cinematografici che ho trovato interessanti, li ho portati alla montatrice Jelena Maksimović e al direttore della fotografia Ivan Marković. Erano entrambi entusiasti della sfida e l'abbiamo sviluppata ulteriormente insieme. Il loro contributo allo stile visivo del film è immenso.

Come si sente riguardo alla sua prima online?
Questo è sicuramente un film che doveva essere visto al cinema. In quel modo, diventa più potente e le immagini tattili che abbiamo creato iniziano a toccarti dal grande schermo. È abbastanza deludente non vedere e discutere il tuo film con il pubblico in una sala, ma d'altra parte sono abbastanza pratica al riguardo: cosa possiamo fare? La sicurezza delle persone è decisamente più importante delle anteprime dei film!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy