email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Concorso World Cinema Dramatic

Blerta Basholli • Regista di Hive

"Il Kosovo sta cambiando, ma occorre fare molto di più per migliorare la condizione delle donne ovunque"

di 

- La regista kosovara ci ha parlato del suo lungometraggio d'esordio fresco vincitore del Sundance

Blerta Basholli • Regista di Hive
(© Artan Korenica)

Abbiamo parlato con la giovane regista kosovara Blerta Basholli, che ha conquistato la scena arthouse vincendo tre premi al Sundance con il suo primo lungometraggio, Hive [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Blerta Basholli
scheda film
]
(leggi la news).

Cineuropa: È facile capire cosa l’abbia ispirata a fare questo film. Come ha lavorato per adattare la storia vera?
Blerta Basholli: Ho dovuto fare avanti e indietro, parlando con Fahrije Hoti [su cui si basa il film], esplorando come sarebbe stato essere al suo posto.Ho dovuto scavare a fondo nei miei sentimenti e nelle mie esperienze che potessero avvicinarmi a lei e, allo stesso tempo, ho cercato di mettermi nei panni del pubblico internazionale, che ha bisogno di capire e sentire senza che gli venga spiegato troppo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Yllka Gashi è ottima nei panni di Fahrije. Come l'ha scelta e come l’ha messa in contatto con la vera Fahrije per lavorare sul personaggio?
Ho lavorato con Yllka Gashi a un progetto di cortometraggio chiamato Lena and Me, che è stato il film del mio secondo anno alla New York University, e mi è davvero piaciuto lavorare con lei. È un'attrice famosa in Kosovo, ma anche un'ottima persona con cui lavorare. Quello stesso anno, ho sentito parlare per la prima volta della storia di Fahrije in TV e l'ho raccontata immediatamente a Yllka, quindi siamo andate insieme per incontrarla di persona.

Semplicemente, doveva essere Yllka.È stata coinvolta nel progetto sin dall'inizio e ha vissuto con il personaggio come ho fatto io.Siamo tornate un’altra volta da Fahrije per osservare tutte le donne e avere un'idea di questa comunità.

È stato sorprendente vedere come per gli uomini in Kosovo le donne che lavorano e guidano automobili fossero un problema. Suppongo che le cose stiano cambiando a questo riguardo; come si è posizionata come regista nell'affrontare questo aspetto della vita del Kosovo (rurale)?
Anche per me è stato sorprendente, ovviamente. L'ospitalità è la nostra più grande risorsa e, noi che conosciamo il Kosovo prima della guerra, sappiamo che la solidarietà è un grande valore sostenuto anche da questo posto. Le persone lasciavano il paese per cercare una vita migliore in Occidente, ma inviavano sempre soldi indietro, non solo ai familiari stretti, ma anche a molte persone che ne avevano bisogno. È così che siamo sopravvissuti all'occupazione, dal momento che molte persone sono state licenziate dal loro lavoro. E a mio avviso, una donna con due bambini piccoli, che deve lavorare per provvedere a loro, dovrebbe solo ricevere supporto dalla sua comunità. Quindi sì, sono rimasta sorpresa e delusa. Lei ha preso la patente, ha iniziato ad andare in città per lavorare, si è seduta per un caffè ed è stata insultata: le hanno rotto i barattoli e tutto il resto.

Sono nata e cresciuta a Pristina, dove ovviamente non è così, e anche Krushë e Madhe sta cambiando, soprattutto grazie a Fahrije.Ma penso che ci sia ancora molto da fare per migliorare la condizione delle donne in Kosovo, a Hollywood e ovunque nel mondo.Le cose stanno cambiando in meglio, ovviamente.

Questa è la prima coproduzione kosovaro-svizzera in assoluto; come ha trovato i partner in Svizzera?
Il nostro produttore Yll Uka, con la sua compagnia Ikone Studio, aveva già lavorato con Britta Rindelaub, di Alva Film. Di solito, gli albanesi dalla Svizzera ottengono fondi in Kosovo e girano i loro film in Kosovo. Ma i fondi non vanno mai al contrario. La prima volta che abbiamo provato, ci è stato rifiutato, ma abbiamo riprovato, e fortunatamente ci siamo riusciti, e anche il canale televisivo svizzero RTS è salito a bordo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy