email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2021 Panorama

Ferit Karahan • Regista di Brother's Keeper

"Penso che essere trattati meglio da bambini aiuterebbe le persone a crescere e ad avere successo"

di 

- BERLINALE 2021: Abbiamo parlato con il regista turco del suo dramma sociale con elementi tragicomici, basato sulla sua esperienza in un collegio maschile

Ferit Karahan  • Regista di Brother's Keeper
Il regista Ferit Karahan (a destra) (© Diren Duzgun)

Il regista turco Ferit Karahan ha creato, con Brother's Keeper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ferit Karahan
scheda film
]
, una vera tragicommedia affascinante e toccante con un giovane protagonista incredibile, interpretato da un attore non professionista. Il film ha avuto la sua prima nella sezione Panorama del Berlinale di quest'anno. Abbiamo parlato con il regista della sua esperienza in collegio, di come ha trovato il suo protagonista e del suo lavoro con i bambini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Anche tu sei stato in un collegio da bambino. Quando ti è venuta l’idea di usare la tua esperienza per un film?
Ferit Karahan: Iniziai a scrivere un film sulla mia esperienza nel 2019, ma capii che non riuscivo ancora a staccarmi personalmente abbastanza dal materiale. Per me, il collegio è un grande trauma. Ho passato sei anni in un collegio ed era una situazione veramente difficile con tanta violenza. L’intera società negli anni novanta era abituata alla violenza, e la scuola non era una eccezione. Dopo la prima bozza ho scritto la seconda, nel 2013, la quale non era ancora abbastanza. Nel 2016, il clima riguardante le persone curde in Turchia cambiò, e pensai di essere pronto per scrivere una nuova versione della sceneggiatura. Ci siamo seduti e sette giorni dopo, siamo usciti con questa versione della sceneggiatura.

Cosa ti ha fatto realizzare che era importante riuscire a mantenere una distanza sufficiente dalla storia per poterla raccontare?
Senza ciò, avrei raccontato una storia su un unico piano che parlerebbe solo di politica. Ho realizzato che anche gli insegnanti era vittime dello stesso sistema. Erano parte di questo grande dilemma su come rapportarsi con l’atmosfera opprimente intorno a loro. Del resto, molti di loro stanno ancora insegnando e il sistema è ancora oggi in gran parte come era prima.

Ciò che mi colpisce è che i bambini non vengono ascoltati, ma principalmente ignorati.
Questo è in grande problema. Praticamente, la ragione dietro questo comportamento è che gli adulti non credono che i bambini siano ragionevoli, che siano in grado di capire e parlare con gli adulti di determinati argomenti allo stesso livello. Penso che se questo fosse diverso, si eviterebbero molte cose. Penso che essere trattati meglio da bambini aiuterebbe le persone a crescere e ad avere successo. Credo che potremmo avere un futuro più luminoso. Lavorando sul film, volevo cambiare proprio questo. Ho dato ai bambini dei ruoli, gli ho spiegato la mia strategia e gli parlavo come se fossero degli adulti. Ha funzionato molto, hanno capito subito. Era una cosa nuova per loro avere qualcuno che gli ascoltava e credeva in loro.

Come hai trovato i tuoi attori?
Gli insegnanti sono tutti attori professionisti, alcuni di loro molto popolari. Anche se il film può essere visto come una critica politica, hanno fortunatamente accettato subito. Per quanto riguarda la ricerca di Yusuf, per interpretare il protagonista principale, è stato molto più difficile. Ho fatto un casting con più di cento bambini. Un mese prima delle riprese, ancora non avevamo un Yusuf e i miei colleghi hanno iniziato a stressarsi. Volevo che fosse Yusuf a trovarci, e così è successo. Ho incontrato il bambino e ci ho mangiato qualcosa insieme mentre parlavamo di animali, il terreno e la famiglia per un’ora. 

Come hai fatto a mettere i bambini a proprio agio con la cinepresa?
È stato molto divertente lavorare con loro. Durante la prima settimana, quando gli ho detto di camminare seguendo una direzione specifica, hanno iniziato a camminare come se fossero dei mafiosi. I bambini sono abituati alle serie televisive e hanno pensato di dover comportarsi come dei membri della mafia turca, non solo nel modo in cui camminavano, ma anche nel modo in cui parlavano. Ma hanno imparato velocemente. Per farli concentrare, ero molto serio durante le riprese. Non ho mai riso, ed è stato molto efficace, anche loro sono diventati subito seri. È stato necessario, altrimenti non saremmo mai riusciti a gestire il tutto, con i cinquecento bambini che avevamo.

Oltre alla durezza dell’argomento, sei riuscito ad avere dell’umorismo nella tua storia.
Non volevo farlo particolarmente divertente, la situazione è più una tragicommedia. C’è un’atmosfera kafkiana che lo ha reso divertente per me. Mediante le ripetizioni, ho potuto creare delle scene divertenti come quella del pavimento scivoloso. Questo e le ripetizioni in generale sono molto importanti come metafora per la burocrazia che fa pensare alle persone che ci sono dentro di essere parte di una giostra.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy