email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SOFIA 2021

Pavel G. Vesnakov • Regista di German Lessons

"Non voglio essere un brontolone moralista che pretende di capire tutti gli aspetti della natura umana"

di 

- Il regista bulgaro ha presentato il suo primo lungometraggio al Sofia International Film Festival, dove ha vinto il Premio Speciale della Giuria e il Premio FIPRESCI

Pavel G. Vesnakov • Regista di German Lessons

Dopo la duplice vittoria al recente Festival internazionale del cinema di Sofia, dove si è aggiudicato il Premio Speciale della Giuria e il Premio FIPRESCI, abbiamo scoperto di più su German Lessons [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pavel G. Vesnakov
scheda film
]
, una coproduzione bulgaro-tedesca e l'opera prima di Pavel G. Vesnakov.

Cineuropa: Ovviamente è valsa la pena trascorrere sei anni lavorando a German Lessons, poiché si è rivelato essere un film formalmente ed emotivamente maturo che evita le tipiche trappole del debutto – come il tentativo di dire tutto in una volta, per esempio. Come è riuscito a mantenere questo tono moderato?
Pavel G. Vesnakov:
Ripetendomi costantemente che, a differenza dei cortometraggi, che sono più simili a un salto in alto, i lungometraggi sono piuttosto come una maratona in cui l'energia della storia va distribuita in modo più uniforme, piuttosto che spenderla tutta nella prima scena. Anche seguire sempre il mio intuito mi ha aiutato. All'inizio ero molto ispirato da alcuni film come Un padre, una figlia [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Cristian Mungiu
intervista: Cristian Mungiu
scheda film
]
di Cristian Mungiu e da autori come Cristi Puiu e Kelly Reichardt, ma dopo due giorni di riprese ho buttato via tutti i preconcetti e mi sono tuffato nell'ignoto.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ha iniziato a lavorare al film prima di compiere 30 anni, e il suo personaggio è sulla cinquantina. Perché un uomo che sta per entrare nella mezza età si interessa alla vita di chi è alle soglie della vecchiaia?
Sono sempre stato affascinato da personaggi che si trovano in situazioni estreme e radicali, ai margini della realtà. Sebbene lo stile e le immagini del film siano basati sulla tradizione realistica, ho insistito sul fatto che ciò che stava accadendo a Nikola doveva essere ammantato di inevitabilità. Essendo sulla cinquantina e considerando la situazione in cui si trova, per Nikola è già quasi tutto inevitabile. Trattare con questo tipo di personaggio mi aiuta ad affrontare le mie paure e debolezze, e mi aiuta ad accettarle come parte integrante di me. Quindi, oltre a riflettere la mia vita personale, questo personaggio ha una funzione extra e significativa.

Chi è Nikola, in realtà, una proiezione personale o piuttosto un'immagine collettiva?
Tutti i miei complessi e le mie paure per il futuro sono proiettati nel personaggio di Nikola. Questo è accaduto inconsciamente, ma penso che in questo modo io sia riuscito ad avvicinare tutti il più sinceramente possibile, sia il pubblico che le persone che mi hanno aiutato a realizzare questo film. Tuttavia, non direi che ci siano elementi autobiografici nella storia. Preferirei definirlo profetico nel senso che mi sono reso conto di come ho costantemente ferito le persone intorno a me.

Ha pensato ad emigrare, come il suo protagonista?
Sì, molto seriamente, ma qualcosa mi ha sempre trattenuto. Tuttavia, mi chiedo se non sono un immigrato nel mio stesso paese. A volte sento di esprimermi chiaramente, ma allora perché nessuno mi comprende? È un problema mio o il divario generazionale è diventato così insormontabile?

German Lessons è poetico e contemplativo, mentre allo stesso tempo il montaggio è preciso e il ritmo è dinamico. Chi sono i suoi maestri?
Una delle poche persone che ascolto in termini di estetica cinematografica è il regista bulgaro Milko Lazarov. Oltre ad essere un regista di grande talento, è anche un individuo erudito con un innato senso dello stile e della misura – qualità che incontri molto raramente oggi. Le mie conversazioni con lui nel corso degli anni mi hanno aiutato a capire che non sto mirando a fare film esplicativi e ad insegnare alla gente cosa è giusto e cosa è sbagliato. Non voglio essere un brontolone moralista che pretende di capire tutti gli aspetti della natura umana. Al contrario, preferisco esplorarlo con l'aiuto del pubblico. E una delle mie guide spirituali è W.G. Sebald. Penso che tutto ciò che ha scritto sia ingegnoso e rileggo i suoi libri ogni giorno. Non riesco a immaginare la vita senza il suo lavoro.

Prima di questa intervista, ha detto che pensa al suo debutto come al suo primo e ultimo lungometraggio. Da dove viene questa sensazione?
Non ne ho idea. La verità è che non è la prima volta che mi sento in questo modo. Il mio processo creativo prevede sempre un momento in cui metto in discussione tutto ciò che sto facendo e mi chiedo se sono pronto a fare qualcosa. Mi sembra di essere troppo educato, mentre per sopravvivere nell'industria cinematografica bisogna essere una sorta di cattivo ragazzo. Sto imparando ad esserlo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy