email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIBECA 2021

Levan Koguashvili • Regista di Brighton 4th

“Credo fortemente nei volti”

di 

- Il regista georgiano mostra che quando vivi a Brighton Beach, non vivi davvero in America; vai in America solo qualche volta

Levan Koguashvili  • Regista di Brighton 4th
(© Eliso Sulakauri)

In anteprima mondiale al Concorso Narrativo Internazionale del Tribeca Film Festival, Brighton 4 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Levan Koguashvili
scheda film
]
th [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Levan Koguashvili
scheda film
]
vede un ex wrestler (la leggenda olimpica Levan Tediashvili) andare alla “Little Odessa” di Brooklyn per aiutare suo figlio, gravato dai debiti e bloccato in una pensione con altri immigrati, tutti nelle stesse condizioni. Abbiamo parlato del film con il regista Levan Koguashvili.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: Quello che si nota soprattutto nel film sono i volti delle persone. Come li hai trovati?
Levan Koguashvili: Credo fortemente nei volti. Se hai le facce giuste, hai il film giusto, più o meno. Portano più di semplici informazioni sul personaggio. Devi adattare il tuo stile di regia a loro perché il volto è la verità. Di solito, i volti che trovo appartengono ad attori non professionisti, anche se in Brighton 4th è una combinazione di entrambe le cose.

Per il ruolo principale, ho provato a scegliere uomini che sembravano lottatori, e poi sono passato ai lottatori veri [ride]. Levan è una leggenda in Georgia; è stato nominato miglior atleta del XX secolo. Tuttavia abbiamo sentito che stava lottando con la sua salute e il suo udito, quindi era l'ultimo della mia lista. Una volta, in Iran, lo scià rimase così colpito che gli chiese cosa desiderasse. C'era un altro lottatore in carcere, condannato a morte. Quindi Levan ha detto: "Voglio che rilasci questo ragazzo!" Si è guadagnato la libertà attraverso il wrestling! È questo tipo di campione imbattibile, ma è anche uno che ha anche perso un figlio in guerra: sono andati lì insieme ed è morto tra le sue braccia. Puoi vedere tutto questo sulla sua faccia. Non c'è da stupirsi che sia così unico.

La sua età e i suoi problemi di salute hanno effettivamente aiutato questo personaggio, rendendolo più fragile. Poi lo sono anche tutti gli altri intorno a lui! L'intera comunità che mostri qui è anziana.
Non ho pensato molto alla loro età. Ma ho fatto i miei primi film sugli immigrati clandestini, quando ancora studiavo cinema a New York. Ho solo sentito una connessione emotiva. A quel tempo, i georgiani arrivavano negli Stati Uniti con visti turistici e restavano oltre il loro soggiorno: conoscevo abbastanza bene questo mondo. Se avessi girato questo film nel 2008, beh, sarebbe stata tutta un'altra storia. Ora sono passati 12 anni, quindi mi è sembrato di tornare alle mie radici. Ma per quanto riguarda la loro età... Pensando al personaggio che canta sempre, volevo solo lavorare di nuovo con lui. Quando abbiamo scritto la sceneggiatura, ho detto: "Dovremmo creare alcune scene per Kakhi Kavsadze!" È stata una scelta guidata dall'attore.

La loro vita in questa pensione sembra così claustrofobica. Anche i corridoi sembrano restringersi man mano che la storia va avanti.
Uno dei motivi per cui ho voluto fare il film era questo posto. Abbiamo girato in una vera pensione a Brighton Beach. Mi sono trasferito lì per vivere con questi ragazzi. Questo mondo è stato molto interessante per me: è tragico, è divertente. Volevo solo mostrare questa comunità: è stato uno degli incarichi cinematografici che mi sono dato.

Quando decidi di lasciare il tuo Paese alla ricerca di un futuro migliore, sei un sognatore. Però qualcosa di simile si potrebbe dire del gioco d'azzardo, con cui quasi tutti qui sembrano impegnati.
Nel nostro film il gioco d'azzardo è stato introdotto per un motivo diverso. La storia originale, quella realmente avvenuta, aveva a che fare con la droga. A quel tempo, molti immigrati morivano di overdose: le loro bare venivano poi rimandate a casa. Una volta, qualcuno ha visto questo tossicodipendente per strada, ha chiamato suo padre in Georgia e lui è venuto. Lo ha salvato: questa era la vera storia. Ma poiché anche il mio primo lungometraggio [Street Days] parlava di tossicodipendenti, non volevo ripetermi.

C'è sempre una battaglia da combattere quando si vuole costruire una nuova vita restando vicini alla propria identità nazionale. Ma non ci sono molte interazioni con il mondo esterno nel film.
Quando si tratta di Brighton Beach, c'era questa battuta secondo cui i ragazzi che vivono lì non vivono davvero in America: vanno in America solo a volte. Era molto caratteristico di questa prima ondata di immigrazione. Non conoscevano la lingua, ed è per questo che sono andati lì: all'improvviso si trovavano circondati da tutti questi georgiani e russi. Sembrava di essere ancora in Unione Sovietica! Più tardi, i più coraggiosi avrebbero iniziato ad avventurarsi fuori, ma all’inizio serviva da trampolino di lancio. Certo, il tempo è passato e ora molti di loro sono americanizzati. Ma quando ero ancora a New York, la gente si dirigeva immediatamente in questi luoghi dall'aspetto familiare. Semplicemente si sentivano più sicuri lì.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy