email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Quinzaine des Réalisateurs

Antoneta Alamat Kusijanović • Regista di Murina

"L'acqua è un luogo dove il mio personaggio è libero, ma è anche dove può versare del sangue"

di 

- CANNES 2021: È un'estate crudele quella che attende l'adolescente Julija in questo titolo della regista di Dubrovnik selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs

Antoneta Alamat Kusijanović  • Regista di Murina
(© Maja Medic)

Nel suo film Murina [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antoneta Alamat Kusijanović
scheda film
]
alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes, la regista di Dubrovnik Antoneta Alamat Kusijanović osserva l'adolescente Julija (Gracija Filipović), stanca del padre prepotente (Leon Lučev) e della madre passiva (Danica Čurčić). Ma quando un amico, parte del loro passato felice, entra improvvisamente in scena, portando con sé sogni dal vasto mondo là fuori, Julia decide di smettere di nascondere i suoi sentimenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

[Contiene piccoli spoiler]

Cineuropa: È sorprendente vedere così tanti volti familiari nel cast, da Danica Čurčić a Cliff Curtis e [l'attore olandese] Jonas Smulders.
Antoneta Alamat Kusijanović: Spero davvero di fare altri film con Jonas, perché è stato un vero piacere. È stato il mio casting director a suggerirmelo, perché all'inizio avevo in mente qualcosa di completamente diverso. Alla fine, stavo cercando qualcuno che sembrasse un po' pericoloso, ma anche un po’ caloroso. Jonas ha interpretato il tutto magnificamente. È seducente, ma non inquietante. Ci ha aiutato a capire un po' meglio il personaggio di Julija, credo.

L'estate è un momento perfetto per far emergere tutta la frustrazione. Hai sempre visto questa storia ambientata in estate? C'è un contrasto così sorprendente tra quanto sia bello questo posto e quanto lei si senta infelice lì.
È esattamente quello che volevo. Immaginiamo sempre che le storie di violenza e tensione si svolgono in vicoli bui, circondati dalla povertà. Ma la violenza accade ovunque. Il modo in cui la natura progredisce durante il film è interessante: inizia da qualcosa di fresco, come l'acqua, e poi continua ad andare più in profondità. Anche la natura è violenta – la natura dentro di loro e la natura fuori.

L'isolamento fisico di questa famiglia è stato uno degli strumenti usati, poiché ha facilitato la storia e ha anche rafforzato il loro isolamento emotivo. Quando non puoi paragonare la tua situazione con nient'altro, ti abitui alla violenza, e non c’è niente che puoi fare per fermarla. Diventa semplicemente una parte della tua vita quotidiana. E poi arriva questo straniero, a contrastare il tutto. Lui diventa quello specchio, grazie al quale gli abusi diventano più evidenti, almeno per loro.

La figlia e la madre sembrano più sorelle o complici. Alcune delle conversazioni che condividono sono molto intime.
È affascinante per me come, a seconda del loro background culturale, le persone possano interpretare questo film in modo così diverso. Ad esempio, per molte persone in Croazia, questa non è una famiglia violenta. Tu, venendo da un posto diverso, sei più in sintonia con questo, proprio come me. Ho lasciato il paese molto presto per studiare all'estero. Nel mio paese, lo sciovinismo è così radicato nelle persone che spesso lo scambiamo per la nostra mentalità. Non è la nostra mentalità, ed è importante far luce su questo. Per molte donne in Croazia, le quali partoriscono molto giovani, questa è una relazione normale. Per me, è oltre il limite. Nela [interpretata da Čurčić] è la madre in alcuni momenti e la maggior parte delle volte è un'amica. A volte è persino una figlia.

È stato difficile avere un protagonista così riservata? Non sai se è solo una normale adolescente, sempre imbronciata o se sta davvero soffrendo.
È minacciosa, inquietante. Ecco perché l'ho scelta e l'ho tenuta così. Non volevo che ci dicesse tutto. Ha quella capacità di mantenere l'interesse del pubblico. Inizialmente, è tutto molto semplice, almeno per quanto riguarda la trama. Mi interessano le storie che avvengono in un ambiente un po' familiare, ma poi i personaggi si sviluppano in modo diverso dal previsto. Il pubblico può dire: “Oh, è solo un'adolescente fastidiosa. Oh aspetta, forse non lo è?" C'è un trauma nascosto lì dentro da qualche parte.

Tanti momenti importanti accadono in acqua, o sott'acqua. Sembra che sia proprio in quei momenti in cui può finalmente essere libera, non credi?
L'acqua è un universo diverso nel film, fisicamente ed emotivamente. L'ho sempre considerato il loro subconscio. È un posto dove Julija è libera, ma è anche dove può versare del sangue. Ha il potere di prendere ciò che vuole, di tagliare il cordone ombelicale con entrambi i suoi genitori. Julia trova la forza per nascere di nuovo e finalmente riemergere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy