email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Un Certain Regard

Laura Wandel • Regista di Un monde

"Ho trovato interessante partire dal punto di vista del testimone che è lacerato"

di 

- CANNES 2021: La regista belga ci spiega il metodo immersivo che caratterizza il suo straordinario e intensissimo film d'esordio, presentato a Un Certain Regard

Laura Wandel  • Regista di Un monde

Filmato ad altezza di bambino e racconto commovente, sottile e incisivo sul bullismo a scuola, Un monde [+leggi anche:
recensione
intervista: Laura Wandel
scheda film
]
, primo lungometraggio di Laura Wandel, ha entusiasmato il pubblico del programma Un Certain Regard del 74° Festival di Cannes.

Cineuropa: Un monde è letteralmente filmato ad altezza di bambino. Questa intenzione visiva era presente fin dall’inizio del progetto?
Laura Wandel: Fin dall'inizio, ho sentito che dovevo mostrare le cose solo dal punto di vista del bambino. Parto spesso da un luogo che voglio esplorare, dove voglio posizionare la mia telecamera. Qui è la scuola e più in particolare il cortile della ricreazione, una delle prime volte in cui il bambino entra in contatto con la società, al di fuori della famiglia: si confronta con un nuovo microcosmo, con un bisogno di integrazione e un bisogno di riconoscimento da parte dei coetanei. Ho sentito che offriva un enorme potenziale per una storia di finzione. Poi è arrivata l'idea dei fratelli: mettere questi fratelli all'interno di questa nuova comunità e vedere come vengono messi alla prova da questo bisogno di integrazione e questo bisogno di riconoscimento. Il cortile della scuola è forse il luogo dove si impara la violenza, ma anche tutti i nuovi codici sociali di questo microcosmo. E Nora, la bambina al centro del film, imparerà a destreggiarsi fra tutto ciò.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quali ricerche ha fatto per creare un racconto così incredibilmente realistico?
Ho osservato cortili scolastici per mesi. Era fondamentale vedere com'è oggi, anche se sorprendentemente giocano più o meno agli stessi giochi dei miei tempi. In generale, nella mia scrittura, mi piace partire dalla realtà per lavorare sulla finzione. Così ho conosciuto anche tanti bambini che mi hanno raccontato le loro esperienze a scuola, genitori, insegnanti, dirigenti scolastici, ho assistito a mediazioni, ecc. È stato un lavoro gigantesco, quasi documentaristico all'inizio.

Come ha sviluppato il rapporto tra la sorella piccola che scopre la scuola e suo fratello maggiore che in quel luogo viene molestato?
Ho trovato interessante partire dal punto di vista del testimone che è combattuto su come reagire, il che è quasi altrettanto violento. Era anche interessante che fosse il fratello maggiore la vittima di molestie e il modo in cui gradualmente cambierà lo sguardo della sua sorellina, che inizialmente lo adora e lo venera. E come questo fratello maggiore davvero non vuole che sua sorella si confronti con tutto questo. E quanto sia brutale per lui veder cambiare lo sguardo della sorellina su di lui: non è più il fratello maggiore protettivo e c’è anche questo tipo di problema, lo sconvogimento che provoca tra i due.

Oltre al bullismo, mostra anche la violenza dell'integrazione sociale, la pressione di voler essere accettati.
Mi piace molto il fatto che ci siano più livelli di lettura nella storia e volevo che il personaggio di Nora fosse preso tra tante cose diverse. Questo bisogno di integrarsi e di riconoscimento è universale: tutti ne abbiamo sempre bisogno. I conflitti del mondo, sono questo! Che sia in un cortile o altrove, c'è sempre anche una nozione di territorialità nei conflitti. Come prendere il proprio posto? Ad esempio, ho notato che i campi da calcio spesso occupano molto spazio nelle scuole e che chi non ci gioca sta ai margini, il che crea violenza.

Il film posa lo sguardo anche sul corpo insegnante, spesso di buona volontà, ma al quale sfuggono molte cose.
Ho davvero cercato di non esprimere giudizi su questo. Gli adulti cercano di fare il meglio che possono, ma sono sopraffatti: non hanno tempo. Uno dei problemi, anche con la violenza e il bullismo, è che ci sono così tanti aspetti diversi, ingranaggi diversi che a un certo punto non sai nemmeno da dove comincia e può cambiare molto rapidamente, passare a qualcos'altro. È impossibile da seguire e gli adulti non hanno tempo perché ci sono molti bambini con cui confrontarsi, molte altre storie diverse. Siamo in una società dove tutto va molto velocemente e non abbiamo più il tempo di cercare di capire le cose e di prendere i problemi alla radice, anche se sono quasi impossibili da individuare perché la questione va ben oltre ciò che accade nel cortile della scuola: i bambini portano a scuola anche ciò che imparano a casa. Ho provato a spargere piccoli semi di tutto ciò nel film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy