email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Quinzaine des Réalisateurs

Maureen Fazendeiro e Miguel Gomes • Registi di The Tsugua Diaries

“Il film è stato influenzato da questa sensazione di avere un'alterazione nella percezione del tempo”

di 

- CANNES 2021: I due registi portoghesi ci parlano di amore e collaborazioni, della mancanza di gioia nel cinema contemporaneo e dei dilemmi dell'era COVID-19

Maureen Fazendeiro e Miguel Gomes  • Registi di The Tsugua Diaries
(© Telmo Churro/O Som e a Fúria)

Considerando che The Tsugua Diaries [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Maureen Fazendeiro e Migue…
scheda film
]
, in proiezione alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes di quest'anno, procede contando nei titoli di testa dal "Giorno 22" al "Giorno 21" al "Giorno 20" (alla maniera di Memento), forse la conversazione qui sotto dovrebbe essere organizzata allo stesso modo. Ciò non farebbe che evidenziare la preoccupazione principale di Maureen Fazendeiro e Miguel Gomes nel film: il senso di un "eterno presente" all'inizio dell'era del COVID-19. I due registi hanno parlato con Cineuropa presso il padiglione sulla spiaggia della Quinzaine, in mezzo ai forti venti di quel giorno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Potreste spiegarci meglio lo sviluppo della vostra collaborazione alla regia?
Maureen Fazendeiro:
Abbiamo lavorato insieme prima, ma sulla sceneggiatura, sul progetto di Miguel – non solo noi due, ma con altre due persone. Forse siamo abituati a lavorare in modo collettivo, lo chiamiamo il comitato centrale. Abbiamo questo modo collettivo di pensare i film e di scriverli. Questa è stata per entrambi la prima volta che abbiamo co-diretto, ma condividiamo anche le nostre vite. Per me è stato abbastanza semplice.

Miguel Gomes: È iniziato con questo desiderio di fare qualcosa di condiviso; tutti stavano semplicemente girando con un telefono, a casa. Lo facevano tutti, quindi abbiamo detto: "Va bene, è comprensibile e produce buoni film". Volevamo fare qualcos'altro, ovvero fare un film in lockdown, ma insieme, girato su celluloide, non in digitale. E poi abbiamo capito, quando siamo andati in questa casa e abbiamo fatto il tampone, che volevamo davvero vivere e fare un film insieme, una reazione a questa idea del lockdown.

È come un diario del lockdown, ma è anche un diario anti-lockdown perché c'è tutto ciò che i diari del lockdown non mostrano, come esterni, giardini, persone insieme. Una cosa era il bacio: ritraiamo un bacio perché è una delle cose più proibite. Eravamo determinati a fare cose intime con gli attori. Abbiamo pensato: "Facciamo il test ed entriamo. Non ce ne andremo". Stavamo girando in ordine cronologico, ma poi sarebbe apparso al contrario, quindi stavamo facendo l'ultimo giorno e il rischio era abbastanza gestibile.

M.F.: Con la co-regia si potrebbe anche dire che uno di noi aveva dei desideri. Poiché il film non ha una sceneggiatura, si trattava solo di parlare dei nostri desideri: “Mi piacerebbe davvero girare questa cosa in particolare. Quella luce, quel colore, quel trattore, quel frutto”.

Ascoltando il Q&A post-proiezione, avete parlato di come è stato realizzato il film.
M.G.:
Volevamo che il film fosse strutturato partendo da un'idea più convenzionale di cinema, che è questo bacio all'inizio del film, e il trio. Dopo la tensione del triangolo amoroso, il film comincia ad aprirsi. Avevamo questa idea che il movimento del film dovesse passare da un'idea più stereotipata di finzione a ciò che è nascosto sotto la finzione. Seguiamo questo movimento, anche se penso che la parte apparentemente non fiction del film, la squadra, la troupe, sia fittizia come il resto.

La nozione di "cinema pandemico" è interessante. Più di un anno fa, avevamo l'orribile prospettiva di tutti questi film su Zoom. Avete mai pensato a queste nuove possibilità?
M.G.:
Il film è stato influenzato da questa sensazione di avere un'alterazione nella percezione del tempo, e ciò che ci aspettiamo quando il tempo cambia in quel modo. Pensavamo di vivere in un eterno presente, come Il giorno della marmotta, e il concetto di futuro allora diventa una cosa diversa. Volevamo creare qualcosa che sfidasse questa idea di tempo lineare.

Pensate sempre alla reazione del pubblico quando elaborate un progetto?
M.G.:
Per me, e a volte per Maureen, a volte ci sono cose che mancano al giorno d'oggi nel cinema d'essai, o nel cinema mainstream. È qualcosa a cui sono molto affezionato, ed è soprattutto un argomento di cui le persone non si preoccupano, che è la gioia di vivere. La gioia di vivere è il soggetto perfetto per il cinema. Amo Jean Renoir, e lui ha fatto molti film sul piacere di essere vivi. Essere vivi ti crea problemi. Se sei morto, non hai questo tipo di preoccupazioni!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy