email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 ACID

Simon Coulibaly Gillard • Regista di Aya

"Posso lasciare una traccia di chi c’era, prima che tutto sparisca"

di 

- CANNES 2021: Il giovane regista parla del suo film di finzione insolito su una ragazza originaria di un’isola della Costa d’Avorio che si vede costretta ad abbandonare la sua terra

Simon Coulibaly Gillard  • Regista di Aya
(© Aurore Engelen)

Cineuropa ha incontrato il giovane regista Simon Coulibaly Gillard, il cui primo lungometraggio, Aya [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Simon Coulibaly Gillard
scheda film
]
, è stato proiettato nell’ambito dell’ACID del 74° Festival di Cannes.

Cineuropa: Come è nato questo progetto?
Simon Coulibaly Gillard:
Giro nei paesi del Golfo di Guinea – Senegal, Mali, Costa d'Avorio, Benin – da circa dieci anni. Ho realizzato quattro film nella regione: due cortometraggi e due mediometraggi. Volevo fare un film sulla costa africana, ma non sapevo dove. Quando sono arrivato in Costa d'Avorio, ho comprato un'auto che segnava tanti chilometri. Si è rotta dopo poche ore, il che ha cambiato tutti i miei piani, dato che non potevo andare molto lontano. È stato allora che ho messo piede a Lahou per la prima volta. Quando ho saputo di tutti i drammatici problemi che affliggono l'isola, mi sono reso conto che non c'era bisogno per me di viaggiare ulteriormente, tutto ciò di cui avevo bisogno era proprio lì.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I suoi film precedenti erano documentari; era già interessato a fare un film di finzione prima di arrivare sull'isola?
Sì, assolutamente. Michigan Films era alla ricerca di un documentarista che volesse realizzare un film di finzione per iscrivere un progetto per un nuovo bando: l'aiuto del CCA-FWB per le produzioni leggere. Avevano bisogno di qualcuno che non avesse bisogno di molto grazie al suo metodo documentaristico e che volesse usarlo per qualcosa di più sceneggiato. In origine, dovevo girare un film di finzione in Belgio, ma mi sono reso conto che non funzionava. Anche quella era una storia su una ragazzina e sua madre, ma ho finito per trasporla altrove.

Come è passato da una storia all'altra?
È stato un grande cambiamento di scena: sono passato dal mondo delle corse motociclistiche in Hainaut all'isola di Lahou! Ma sono rimasto dell'idea di raccontare la storia di una ragazza e di sua madre single, è una situazione che risuona in me. E sapevo che, laggiù, potevo fare film velocemente, a modo mio, e anche riaccendere la mia voglia di fare film, cosa che a me succede solo laggiù. Tanto più che, in quelle particolari regioni dell'Africa, mancano immagini e rappresentazioni. E sono andato per mantenere una sorta di promessa, che era far sentire una lingua, mostrare paesaggi e una cultura. C'è un reale bisogno di condividere queste realtà, e di difendere le identità, che spesso sono in pericolo. Ora ci sono solo 30.000 persone in tutto il mondo che parlano ancora Avikam e questo è il primo film di finzione prodotto in questa lingua. Non posso respingere il mare, ma posso condividere la loro storia, lasciare una traccia di quello che c'era, prima che tutto scompaia.

Quindi, un classico racconto di formazione in un contesto molto specifico e in una location che non si vede spesso nei film?
La cosa interessante della finzione è che "nasconde" il tema. Questo film è molto semplice e, in definitiva, molto banale. È un tema – l'adolescenza – che compare in qualcosa come il 50% dei film! Penso che Aya assomigli davvero alla mia sorellina e mi ricordi lei. Il soggetto del film sembra essere la perdita di un territorio, ma in realtà è un film sulla perdita dell'infanzia. E la metafora del paesaggio di sabbia che si disintegra era perfetta in questo senso, per discutere dello spazio fisico che scompare nell'infanzia.

Come è stato scritto il film? La storia doveva ancora essere scritta quando è arrivato sull'isola?
Il processo di scrittura dipende dalla fiducia che si instaura reciprocamente. Personalmente, posso fidarmi di Marie-Josée Kokora, che interpreta Aya, perché è molto generosa e partecipe, e lei si fida di me perché mi sono preso del tempo per conoscerla. La scrittura avveniva quotidianamente, istantaneamente. Abbiamo girato per sei mesi, montato per sei mesi, che è molto lungo per un lungometraggio, ma era necessario. Poi abbiamo dovuto tradurre tutto e aggiungere i sottotitoli, il che è stato anche molto laborioso. Ma ne è valsa la pena per offrire un'esperienza così senza precedenti.

Anche l'oceano è un personaggio del film. Come ha deciso di ritrarlo?
Quello che mi piace del personaggio del mare è che è sia un protagonista che un antagonista, tutto avviene a causa del mare, e nonostante il mare. Questo personaggio multiforme che cambia, a volte dolce e a volte esclamativo, è stato una manna dal cielo per la mia ossessione. Era presente nei miei film precedenti, ma questa era la prima volta che potevo dargli una voce.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy