email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Fuori concorso

Ari Folman • Regista di Where Is Anne Frank

“Non rifarei mai un altro film d'animazione per adulti”

di 

- CANNES 2021: Il regista israeliano rivela come sua madre lo ha aiutato a decidere di realizzare un'avventura animata basata su Il diario di Anna Frank

Ari Folman  • Regista di Where Is Anne Frank

L'israeliano Ari Folman parla con Cineuropa del suo nuovo film, Where Is Anne Frank [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ari Folman
scheda film
]
, proiettato fuori concorso al Festival di Cannes.

Cineuropa: Le è piaciuto girare Where Is Anne Frank?
Ari Folman:
No, è stata davvero dura. È stata una lotta per sopravvivere. Ci sono stato sopra per otto anni. Mia madre è una sopravvissuta all'Olocausto e ha 98 anni. Mi ha detto: “Ari, ti ci è voluto il doppio del tempo dell'Olocausto stesso per fare il film. Dovresti vergognarti”. Lei ha ragione. Mi sono piaciute alcune parti, ma penso che la produzione di animazione sia la cosa più difficile di sempre. E più grande è il film, meno hai il tempo per essere in grado di affrontare le questioni artistiche e formali con i tuoi designer e animatori. Semplicemente lotti tutto il tempo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Quando le è stato chiesto di realizzare il film, le hanno suggerito di incarnare il personaggio di Kitty come persona?
Non proprio. Sono venuti con il diario e non volevo assolutamente farlo. Pensavo che non ci fosse niente di nuovo da dire sulla storia di Anne Frank. Ero stanco dell'animazione dopo The Congress [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e volevo una pausa. Mi hanno detto: "Va bene, leggilo di nuovo e vai a trovare tua madre". Conoscevano il mio background. L'ho letto e l'ho trovato un incredibile pezzo di letteratura. Ho figli adolescenti e non puoi immaginare che sia stato una tredicenne a scriverlo. Poi ho incontrato mia madre, che è ebrea polacca, e ho detto che avevo ricevuto questa offerta. Ha detto: “Guarda, non abbiamo mai interferito con la tua carriera, ma se non lo accetti, morirò domani mattina. Il mio corpo ti aspetterà".

E quando è nata l'idea di legare Anne Frank alla storia della crisi dei rifugiati in Europa?
La questione dei rifugiati è arrivata solo nel 2015. Ho cambiato l'ultimo atto quando è iniziata la crisi dei rifugiati. L'idea era quella di collegare Anne Frank alle questioni contemporanee. La sceneggiatura originale è stata influenzata da questa storia che ho letto durante l'assedio di Sarajevo nel 1995: c'era questa ragazza che si dichiarava l'Anna Frank bosniaca. Erano gli albori di Internet e ogni giorno metteva online un breve pezzo sulla sua vita durante l'assedio. Un giorno, un elicottero è atterrato nel suo villaggio e l'ha presa. L'hanno portata a Parigi per essere intervistata in uno studio. Le hanno chiesto del suo essere la Anna Frank bosniaca e le hanno chiesto come pensava che sarebbe andata a finire. Ha detto che sarebbe morta come Anna Frank. Hanno detto: "Grazie" e l'hanno riportata in aereo in Bosnia invece di aiutarla a fuggire.

Lo stile di animazione è più facile da digerire rispetto ad alcune visioni più artistiche che ha avuto nei suoi film precedenti. È perché voleva che il pubblico si concentrasse sulla storia?
È la prima volta che faccio un film e penso al pubblico. Questa volta, per ogni decisione artistica, ho pensato ai bambini che lo guardavano. I miei figli sono stati sempre il banco di prova. Se questo non porta i bambini in sala, allora è un fallimento. Ma penso di capire molto di più sul cinema ora.

In che modo?
Non rifarei mai un altro film d'animazione per adulti. Credo sempre meno nell'esistenza di grandi progetti artistici che nessuno vede, che viaggiano di festival in festival. The Congress era un progetto da 10 milioni di euro, ma il pubblico non l'ha visto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy