email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2021 Piazza Grande

Ferdinando Cito Filomarino • Regista di Beckett

"Volevo esplorare questo genere, il thriller della caccia all'uomo"

di 

- Il regista racconta a Cineuropa il background europeo del suo secondo lungometraggio e perché ha scelto la Grecia come location

Ferdinando Cito Filomarino • Regista di Beckett

Il film d'esordio di Ferdinando Cito Filomarino del 2015, Antonia [+leggi anche:
trailer
intervista: Ferdinando Cito Filomarino
scheda film
]
, parlava della poetessa Antonia Pozzi. Il suo nuovo film, Beckett [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ferdinando Cito Filomarino
scheda film
]
, che ha appena aperto il Festival di Locarno, è prodotto da Luca Guadagnino e ha come protagonisti John David Washington, Alicia Vikander e Vicky Krieps. Un film di genere, che inizia come un dramma relazionale prima di trasformarsi in un thriller complesso che ruota attorno a teorie della cospirazione e gruppi in competizione che mettono in discussione il capitalismo in Grecia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Hai scritto le prime tracce della storia di Beckett nel 2015. Quali erano all'inizio i motivi che ti spingevano a raccontare questa storia?
Ferdinando Cito Filomarino: Era per esplorare questo genere, il manhunt thriller. Ma trovando il mio punto di vista, qualcosa che potesse riflettere la mia personalità. Quindi ho studiato un po' il genere, per vedere come funzionano questi film e cosa mi piace di questi film. Ma poi, quando ho iniziato a scrivere, la missione, la prima cosa della storia, è stata trovare qualcosa di originale che fosse interessante oggi, e che fosse personale per me. È così che scopro di poter lavorare con più passione.

È la passività del protagonista che ti è più vicina, o è la situazione politica in Grecia sullo sfondo?
Probabilmente è tutto questo. Trovo le cose a cui tengo e le metto nel cassetto per un film che sto facendo. E poi immagino che in qualche modo diventeranno urgenti.

Come hai vissuto la realizzazione di Beckett come produzione europea?
È stato bello perché è un film insolito da girare in Grecia. Abbiamo dovuto trovare il nostro modo di creare una sorta di produzione stile Frankenstein, con tanti pezzi provenienti da paesi diversi. È stato adattato alle nostre esigenze. E questo era in un certo senso molto accogliente, e l'atmosfera era molto rilassata sul set, anche se avevamo un programma molto rigido. Grazie all'ospitalità della Grecia, ha funzionato davvero bene.

Conoscevi già la Grecia?
Non conoscevo molto bene la Grecia prima. Ho avuto la fortuna di incontrare qualcuno della produzione locale in Grecia, che mi ha portato in giro per la Grecia continentale. Avevo bisogno di una location in montagna e di varie altre situazioni. Questa persona mi ha dato una visione di ciò che stavo osservando e delle persone che incontravo e della cultura in un certo senso. E così letteralmente guidando ho trovato i luoghi in cui girare e, in alcuni casi, ho anche costruito alcune scene al contrario, basandomi su alcune location che ho trovato così sorprendenti da dover essere per forza nel film.

Ci sono indizi, come una foto del presidente Obama e i disordini politici sullo sfondo, che indicano che il film si svolge nel 2015, quando la Grecia era in prima linea in una dibattito sulle misure di austerità e il suo rapporto con l'Unione europea. Volevi fare un film su questo?
Penso che questo film parli di un uomo che attraversa una crisi personale e si trova in una situazione politica molto complessa che non capisce. Quello che è successo in Grecia in quegli anni e quello che mi ha ispirato è sicuramente una conseguenza della politica europea, non esclusivamente della politica greca.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy