email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2021 Piazza Grande

Stefan Ruzowitzky • Regista di Hinterland

“Il mio protagonista sente che il mondo è contorto e distorto; gli espressionisti tedeschi volevano comunicare la stessa cosa”

di 

- Selezionato per la sezione Piazza Grande di Locarno, il nuovo film del regista austriaco mostra lo scenario del primo dopoguerra

Stefan Ruzowitzky • Regista di Hinterland
(© Heinz Zeggl)

Dopo la Prima Guerra Mondiale niente è stato più lo stesso, di certo non il luogo che Perg (Murathan Muslu) chiamava casa. Ma quando un serial killer agisce in una città devastata, Perg sente che deve fermarlo, anziché affrontare il suo senso di fallimento. Abbiamo parlato con Stefan Ruzowitzky del suo Hinterland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stefan Ruzowitzky
scheda film
]
, presentato in Piazza Grande al Locarno Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: La tua introduzione animata ha fatto pensare all'espressionismo tedesco. In realtà hai abbracciato questa estetica per tutto il film!
Stefan Ruzowitzky: L'altro giorno ho fatto un'intervista con una pubblicazione americana e ho capito che per loro la prima guerra mondiale non era un grosso problema. Ma per noi europei ha cambiato tutto: è allora che è arrivato il nazionalsocialismo, molte monarchie sono crollate e hanno iniziato a emergere nuove tendenze nell'arte. Perg sente che il mondo è contorto e distorto: niente intorno a lui è più diretto o affidabile. Gli espressionisti tedeschi volevano comunicare la stessa cosa. Lui passa dalla delusione al riconoscere che, sì, ha perso alcune cose, ma ne ha anche ottenute. E questo nuovo mondo, e le sue nuove idee, non è affatto male.

A un certo punto, il film si trasforma in un whodunnit, e anche se ci sono molte torture implicite, questa ambientazione retrò lo rende più facile da digerire, vero?
È tutto a causa dei miei co-sceneggiatori [Robert Buchschwenter e Hanno Pinter] – è da loro che viene tutta questa violenza.

Persone molto malate…
Esattamente [ride]. Mi piace combinare forti elementi thriller con un background socioculturale. Puoi abbracciare lo stato d'animo di Perg e il modo in cui viene mostrata Vienna, ma se vuoi restare a guardare solo per la storia ricca di suspense, va benissimo. Questi raccapriccianti omicidi erano necessari perché tutti questi veterani hanno già sperimentato così tanto orrore. Doveva esserci qualcosa di ugualmente orribile per farli reagire. C'erano così tante persone mutilate per le strade in quel momento, con tutti questi medici che cercavano di ricostruire i corpi distrutti. Spesso era solo con un pezzo di pelle. E mettevi gli occhiali, in modo da poter comprare del latte in un negozio senza scioccare le altre persone perché mancava metà della tua faccia. Cose davvero orribili.

C'erano alcuni articoli che affermavano che la guerra del Vietnam segnò la prima volta in cui i soldati di ritorno non furono accolti come eroi. Tu mostri la stessa esperienza.
Questo film parla di quella che oggi chiamiamo "mascolinità tossica". Sono tutte virtù tipicamente maschili: andare in guerra, combattere per il proprio Paese, proteggere donne e bambini. E questi uomini, hanno fallito in questo. Non hanno vinto la guerra e hanno perso tutto, tornando a questa piccola cosa in mezzo all'Europa che è l'Austria ora, anche se un tempo era uno dei più grandi imperi del mondo. Si sentivano umiliati, credo, ed è stato lo stesso con il Vietnam. Alla nostra società piace pensare che andiamo in guerra perché è giusto. Poi impari che, beh, non lo era, e abbiamo perso, per una buona ragione. Ma Perg alla fine scopre che non si tratta solo di una perdita, si tratta di cambiamento.

Hai letto molto sulla mentalità di coloro che sono tornati? E quelli che sono rimasti?
Uno dei miei libri preferiti è Viaggio al termine della notte di Céline, anche se è diventato un fascista, il che ha pregiudicato la sua reputazione. Parla dei soldati francesi nella prima guerra mondiale e mostra che odiavano i propri aristocratici ufficiali più dei tedeschi. Sapevano che non davano valore alle loro vite. Questo senso di delusione, che niente funziona più e il mondo è corrotto, l'ho trovato nel libro, e forse un po' è anche nel film. È qualcosa che tutti i Paesi europei sentivano in quel momento: che quello che avevamo prima non bastava più.

Dopo l’abbuffata durante la pandemia, vediamo ogni genere di serie, e sembra esserci il potenziale per continuare a far vivere in questo modo il tuo personaggio. Riveli il suo passato, il che ci fa pensare al suo futuro.
I nostri produttori e uno degli sceneggiatori, Hanno, hanno iniziato a pensare a un possibile seguito. La mia prima decisione da regista è stata quella di scegliere Murathan perché volevo avere un tipico maschio alfa, qualcuno che avrebbe sofferto molto di più per questa umiliazione. Perg è abituato al successo, a essere al comando, quindi scoprire che sua moglie è andata a letto con un altro uomo e che non recupererà il suo lavoro - tutte queste cose si sommano alla sua completa e totale disperazione. È un personaggio interessante, questo è certo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy