email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Concorso

Paolo Sorrentino • Regista di È stata la mano di Dio

"Non è colpa mia; Napoli è così"

di 

- VENEZIA 2021: Il regista italiano condivide alcune riflessioni sulle sue memorie giovanili di Napoli e su quante volte è stato paragonato all'Amarcord di Fellini

Paolo Sorrentino  • Regista di È stata la mano di Dio
(© La Biennale di Venezia - Foto ASAC/Jacopo Salvi)

Attualmente impegnato a presentare il suo nuovo film in concorso È stata la mano di Dio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
, presentato in anteprima alla 78a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, il regista Paolo Sorrentino è appena tornato al Lido dopo un breve soggiorno a Telluride per condividere alcuni pensieri sul suo memoriale giovanile di Napoli e perdere il conto di quante volte è già stato paragonato ad Amarcord di Fellini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Questa mattina è stato proiettato un grande documentario su Ennio Morricone. Ha mai considerato la sua musica per qualche suo film?
Paolo Sorrentino: Ah, era troppo bravo per me! No, seriamente, non l'ho mai considerato. Era un grande, ma non mi è mai passato per la mente per i miei film. Stili diversi.

Il titolo del tuo film è tratto da una citazione di Diego Maradona, che ha anche un ruolo importante in questi tempi a Napoli, e successivamente anche nel film. Quando ti è venuto in mente questo titolo, e come hai affrontato le lamentele per il suo utilizzo?
Mi è venuto in mente di colpo. Da quel momento in poi, mi è sembrato un ottimo titolo per il film. Ci sono state delle proteste, sì, da parte di quelle che sospetto fossero alcune persone intorno a Maradona che volevano fare dei soldi facili. Non mi hanno mai fatto causa, naturalmente, perché non avevano davvero un caso.

È stata la mano di Dio è stato paragonato sia ad Amarcord di Fellini che al tuo La grande bellezza [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
. Sono paragoni validi?
Solo questa settimana, ho sentito il paragone con Amarcord più volte di quante ne possa contare. Ma il mio film parla più di una vita reale, mentre Amarcord è una serie di ricordi divertenti, molti dei quali inventati, e condivide ricordi di gioia e piacere. Il mio film è molto realistico, con alcuni ricordi chiaramente non legati al piacere. Anche la Grande Bellezza è un altro film diverso. Lì, ho cercato i luoghi di grande bellezza molto speciali di Roma. Qui, mostro Napoli nella vita semplice e quotidiana della mia gioventù.

Anche qui però visiti dei posti veramente fantastici.
Non è colpa mia; Napoli è così.

Avete anche messo Fellini nel film, mentre cerca delle facce, perché, a quanto si dice, le migliori si trovavano a Napoli. Qualcuno di loro proveniva da veri provini di Fellini di allora?
Non credo, purtroppo no. Ma ho questa meravigliosa direttrice del casting, che gira per le strade e raccoglie le persone. E trova i migliori.

Quello che non c'è, forse in modo rinfrescante, è una storia legata alla camorra. Fabio, il tuo alter ego, diventa amico di un contrabbandiere, ma non fa mai parte delle sue operazioni. Hai mai avuto un'esperienza simile quando sei passato dalla "parte sbagliata"?
È assolutamente vero che Napoli, con i suoi strati misti di persone, rende facile per qualcuno della borghesia cadere in attività torbide. Che sia successo o meno a me è irrilevante. Non voglio elencare ciò che è vero o no nel film.

Alla fine del film, il regista Fabio incontra Antonio Capuano, che è molto reale. E nel 1998, il suo film Polvere di Napoli portava il tuo credito di sceneggiatore. Si tratta, in effetti, del primo film di Paolo Sorrentino?
Non proprio. Ero uno dei co-sceneggiatori, e Capuano era lo scrittore principale. Ma è stato il mio primo lavoro nel mondo del cinema. Ho partecipato a un concorso di sceneggiatura e ho vinto, e Capuano mi ha assunto. Non avrei mai potuto immaginare dove mi avrebbe portato.

Gli anni ottanta che descrivi sembrano decisamente innocenti. Lo erano davvero, nella tua memoria, o c'è un po' di consapevole romanticismo in gioco, dopo tutto?
Gli anni ottanta per me erano i più innocenti, i più stupidi e forse i più divertenti.

Il che porta ad un altro commento in alcuni rapporti, riguardante un certo tipo di umorismo possibilmente crudo, a volte riguardante belle donne nude. Qualche pensiero su questo?
Qualsiasi pensiero su questo deriverà da una citazione diretta della grande autrice Lillian Hellman durante le udienze antiamericane di McCarthy: "Non posso e non voglio tagliare la mia coscienza per adattarmi alle mode di quest'anno".

Quali sono i tuoi piani futuri per quanto riguarda il cinema?
Al momento, non ne ho la minima idea.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy