email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Orizzonti Extra

Teemu Nikki, Jani Pösö e Petri Poikolainen • Regista, produttore e attore di Il cieco che non voleva vedere Titanic

“Non abbiamo fatto un film su una persona handicappata; abbiamo fatto un film su una persona che è anche disabile”

di 

- VENEZIA 2021: Il film selezionato in Orizzonti Extra si concentra su un uomo che farebbe qualsiasi cosa per amore – anche lasciare il proprio appartamento

Teemu Nikki, Jani Pösö e Petri Poikolainen  • Regista, produttore e attore di Il cieco che non voleva vedere Titanic
(© La Biennale di Venezia - Foto ASAC/A Avezz)

Persistendo con l'ossessione dei registi finlandesi per la storia d'amore di James Cameron, menzionata anche in Compartment No. 6 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
e Metatitanic, il regista del titolo in extra Orizzonti Extra di Venezia 2021 Il cieco che non voleva vedere Titanic [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teemu Nikki, Jani Pösö e P…
scheda film
]
, Teemu Nikki, guarda il mondo dalla prospettiva di un cieco, chiedendo l'aiuto di un vecchio amico, affetto da SM, che interpreta un uomo che decide che è ora di incontrare finalmente la donna con cui parla ogni giorno. Anche se questo significa chiedere aiuto a degli sconosciuti. Abbiamo parlato con Nikki, il produttore Jani Pösö e l'attore Petri Poikolainen.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Avete realizzato questo film molto velocemente. A che punto avete deciso come girarlo?
Teemu Nikki: Uno dei motivi per cui è girato dal punto di vista di un cieco è che avevo bisogno di capire come fare un film con Petri. Sarebbe abbastanza difficile per lui fare un film "normale", con campi lunghi e primi piani. Volevo renderlo il più facile possibile per lui. Giravamo a casa sua; molti degli attori sono suoi compagni di corso dell'accademia di teatro.

Jani Pösö: Come l'abbiamo capito? L'abbiamo capito strada facendo. Abbiamo iniziato a farlo, imparando cosa potevi e non potevi fare. Un buon esempio è che quando ci siamo resi conto che avevamo bisogno di un co-produttore della zona in cui vive Petri, abbiamo chiamato Wacky Tie Films. Hanno chiesto: "Hai una sceneggiatura?" Abbiamo detto: "No". E lo hanno fatto ugualmente! Tutti erano entusiasti di quell'idea.

T.N.: Proprio come in ogni altro film, volevo vedere il mondo come lo vede il mio protagonista. Comprendere perché fa quello che fa. Con una persona cieca, all'inizio è stato piuttosto difficile, ma era importante che questo film non compatisse Petri. Non abbiamo fatto un film su una persona handicappata; abbiamo fatto un film su una persona a cui è capitato di essere disabile. Siamo sempre al suo livello.

C'è sempre questa paura che storie come questa siano tristi. Ma a Venezia, il pubblico è stato conquistato proprio dal punto in cui lui afferma di aver smesso di guardare i film di Carpenter quando non riusciva a distinguere Kurt Russell da un husky.
T.N.: Non so perché la gente lo trovi così divertente [ride]. Sono un fanatico del cinema, sono quello che non ha visto Titanic e adora Carpenter. Questo film ha solo Petri, tutto il tempo, quindi il dialogo doveva essere leggero. Per me è facile scrivere di film di genere anni '80. Eravamo di fretta, quindi praticamente ho scritto di me e l'ho finito in due settimane. Inoltre, quando è divertente, tutte le cose pesanti sembrano ancora più difficili da sopportare. Dici "È divertente" e poi "Oh merda, non colpire lo storpio!" Mi piace sorprendere il pubblico e immagino che non si aspettino questi elementi da thriller.

J.P.: Quando l'argomento è difficile, è bello renderlo divertente, ed è quello che abbiamo sempre fatto con i nostri film. Anche se non so se qualcuno questa volta si sia davvero divertito, potrebbe mentire.

Volevi sempre che solo lui fosse a fuoco? Le altre persone le puoi solo sentire o vederne una parte del corpo qua e là.
T.N.: Sì, dall'inizio. Quando ho avuto questa idea, ho capito che doveva essere un lungometraggio. Il pubblico ha bisogno di un po' di tempo per abituarsi a quello stile. Quando finalmente vedi un'altra faccia, sai che è speciale. Abbiamo tutti bisogno di essere toccati, di essere visti. Petri, come vanno i postumi della tua sbornia?

Petri Poikolainen: Bene, grazie. Mi piace il sarcasmo – sarcasmo e postumi di una sbornia. La serata d’apertura è stata incredibile.

Vi siete conosciuti molto tempo fa, vero?
P.P.: Ci siamo conosciuti nell'esercito, abbiamo fatto il corso per ufficiali di riserva.

T.N.: Hanno sempre fatto questa grande festa, e una volta abbiamo recitato insieme in uno spettacolo. Io facevo una pietra o un albero, ma Petri era molto bravo. Faceva ridere la gente. Poi non ci siamo visti per 24 anni. Mia sorella soffre della stessa malattia di uno dei personaggi del film. È stata lei a incontrare Petri.

P.P.: Ha detto quanto fosse orgogliosa di Teemu, che è diventato un regista. Ho detto: "Conosco quel ragazzo!" In quella commedia, ero un contadino pazzo il cui silo si era rotto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy