email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Semaine de la Critique

Ava Cahen • Delegata generale della Semaine de la Critique

“La nostra missione è entrare in contatto con i talenti emergenti e promuoverli”

di 

- La nuova delegata generale della Semaine de la Critique del Festival di Cannes ci parla della sua selezione 2022

Ava Cahen • Delegata generale della Semaine de la Critique
(© Aurélie Lamachère/Semaine de la Critique)

Dopo cinque anni nel comitato di selezione, Ava Cahen è stata nominata delegata generale della Semaine de la Critique (leggi la news) la cui 61a edizione si svolgerà dal 18 al 26 maggio 2022 nell'ambito del 75° Festival di Cannes. Con Cineuropa Cahen approfondisce la selezione di quest’anno (leggi l'articolo).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quale tocco personale hai dato alla tua prima selezione come Delegato Generale, tenendo in considerazione l'eredità della Semaine de la Critique?
Ava Cahen: Ovviamente sono per la continuità. Sono stata nel comitato di selezione di Charles Tesson per cinque anni, quindi in una buona scuola, e voglio continuare tutto il lavoro svolto in questi cinque anni. Ma ho una mia personalità e penso che si possa notare in piccoli tocchi, come il poster di questa edizione che è ben diverso da quelli degli ultimi anni, con la scelta di una foto d'arte e un'artista come Charlotte Abramow dotata di un look pop, molto cinegenico, che lavora sul corpo e sul femminile. È un modo per dire che sta arrivando una nuova era, pur restando nella logica della mission della Settimana: entrare in contatto con i talenti emergenti e svelarli.

Quest'anno il concorso è composto esclusivamente da opere prime. Si tratta di una scelta deliberata?
Si. Quest'anno abbiamo visto molte opere prime e la Semaine ha una selezione ristretta per il 2022 poiché siamo tornati alla solita quantità: l'anno scorso non è stato solo il nostro 60° anniversario, ma anche due anni in uno, dopo un 2020 senza festival. Quindi volevamo essere molto ospitali, molto generosi. Si trattava piuttosto di tornare alla normalità, con la scelta di favorire opere prime estremamente forti.

Il concorso presenterà film di generi diversi?
Sì, ma ci sono anche alcuni fili tematici che senza dubbio la stampa si divertirà a ricucire. Quest'anno ci sono film che parlano più a fondo della famiglia, della struttura familiare, della condizione delle donne. Due lungometraggi in concorso, Aftersun di Charlotte Wells e Alma Viva di Cristèle Alves Meira, sono espressi ad esempio attraverso gli occhi di un bambino. Ma c'è soprattutto il desiderio di creare ogni giorno un evento, in diversi registri, colori, forme, e che tutti questi sguardi formino la galassia dei nuovi talenti e quello che essa ci racconta dello stato del mondo cinematografico che abbiamo voluto comporre. Occorre anche che questi film possano coesistere fianco a fianco, e non l'uno contro l'altro, anche se ovviamente si tratta di un concorso e la giuria dovrà decidere.

Dei sette registi in concorso, cinque sono europei. Questa preponderanza è la conseguenza di volumi di produzione piuttosto variabili nei diversi continenti, a seconda della gestione dei diversi Paesi dei due anni di pandemia?
Sì, perché in realtà abbiamo ricevuto per lo più film europei. Non c'è nessun film dall'Africa quest'anno, ma abbiamo selezionato La Jauría di Andrés Ramírez Pulido in concorso per la Colombia, che è un territorio estremamente promettente in termini di cinema. E l'Iran torna per la prima volta in 20 anni in competizione alla Semaine con Tasavor di Ali Behrad. Abbiamo anche fuori concorso un film americano (When You Finish Saving the World di Jesse Eisenberg) e uno sudcoreano (Next Sohee di Jung July), due lavori dei quali ci siamo innamorati. Naturalmente è un modo per internazionalizzare la selezione perché questa è la vocazione della Semaine de la Critique. Ci sono quindi un po' meno film francesi del solito (Nos cérémonies di Simon Rieth in concorso, Tout le monde aime Jeanne di Céline Devaux e Goutte d'Or di Clément Cogitore in proiezioni speciali) e anche questo è un modo per affermare la nostra posizione sul cinema francese: siamo molto esigenti ma soprattutto crediamo nella sua capacità di essere esportato, di brillare, e vogliamo, nella nostra misura, parteciparvi.

Ha adottato una regola di comportamento per quanto riguarda i film eventualmente offerti dalle piattaforme?
La Semaine è un po' meno preoccupata perché le piattaforme vanno spontaneamente verso nomi più affermati e non stanno ancora rischiando sul primo e sul secondo lungometraggio. Stiamo comunque iniziando a ricevere film dalle piattaforme e non possiamo essere sordi su questo. Ma stiamo seguendo la stessa linea della Selezione Ufficiale: questi film sono ammissibili, ma fuori concorso.

Com'è stato il processo di selezione con i film apparentemente in arrivo, per vari motivi, sempre più tardi?
Durante la settimana c'è un lavoro di ricerca molto importante. La Semaine de la Critique ha 61 anni, è molto visibile, ora conosciamo la sua linea editoriale e i talenti che vi sono emersi: potremmo quindi sederci comodamente nella nostra poltrona e aspettare che i film ci vengano inviati. Ma in realtà, prima delle proiezioni e della selezione stessa con il comitato, c'è un'intera fase che consiste nel ricevere i film e viaggiare nei paesi in cui vengono realizzati. È molto importante prendere contatto e io ho viaggiato molto da settembre a febbraio. È stato molto istruttivo perché come critico, i nostri contatti principali sono spesso i registi, le attrici, gli attori, gli sceneggiatori, forse i produttori. È estremamente interessante stabilire questo dialogo.

Per quanto riguarda il volume delle domande, abbiamo pensato che potesse diminuire rispetto all'anno eccezionale precedente, ma non è stato affatto così. Eravamo nella media del 2019 con 1100 lungometraggi e 1700 cortometraggi, il che è comunque impressionante. È anche vero che abbiamo ricevuto molti film in ritardo, quindi non è stato facile e abbiamo dovuto accelerare, ma penso che abbiamo fatto le scelte giuste senza essere presi per la gola. Non ho sentito un'atmosfera competitiva con le altre selezioni di Cannes, ma piuttosto un dialogo che si è instaurato molto opportunamente. Perché abbiamo tutti la stessa ambizione e lavoriamo per la stessa cosa, in modo che questi film che abbiamo individuato e che vogliamo portare agli occhi degli altri siano a Cannes.

Due film selezionati in concorso hanno partecipato all’Atelier Next Step della Semaine de la Critique. Corsia preferenziale o pura coincidenza?
È sempre gratificante vedere i progetti passati da Next Step avvistati dai festival e molti di loro sono già stati a Berlino, Venezia, Locarno. Per noi non è una regola, un obbligo e nemmeno una priorità selezionarli per la Semaine, ma capita che quest'anno ci siamo innamorati di The Woodcutter Story di Mikko Myllylahti e Alma Viva di Cristèle Alves Meira, quindi non potevamo fare a meno di selezionarli. Siamo molto felici perché vediamo che questo laboratorio porta dei frutti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy