email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Proiezioni speciali

Amandine Fredon e Benjamin Massoubre • Registi di Le Petit Nicolas - Qu'est-ce qu'on attend pour être heureux?

"È un'ode alle gioie dell'infanzia, alla capacità di giocare e di crescere, alle meraviglie della narrazione e alla facilità con cui i bambini guardano le cose"

di 

- CANNES 2022: L'universo del classico della letteratura per bambini francese riceve una tenera dichiarazione d'amore con questo film

Amandine Fredon e Benjamin Massoubre • Registi di Le Petit Nicolas - Qu'est-ce qu'on attend pour être heureux?
(© Lionel Guericolas/MPP)

Il film d'animazione Le petit Nicolas - Qu’est-ce qu’on attend pour être heureux ? [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Amandine Fredon e Benjamin…
scheda film
]
, presentato in anteprima nella sezione Proiezioni speciali del settantacinquesimo Festival di Cannes, è la storia di Jean-Jacques Sempé e René Goscinny, creatori del classico personaggio per bambini negli anni cinquanta. I co-registi Amandine Fredon e Benjamin Massoubre hanno raccontato in modo sincero la loro ricostruzione di un'epoca nostalgica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: L'universo di Le petit Nicolas è molto legato agli anni cinquanta e sessanta. Come avete pensato di proporlo a un pubblico contemporaneo?
Amandine Fredon: C'è sicuramente uno sguardo nostalgico verso quest'epoca con cose che sono passate da tempo, come le classi scolastiche con soli maschi o sole femmine. In compenso, le relazioni tra i bambini e i genitori o i nonni sono rimaste invariate. Abbiamo cercato di preservare queste cose, cercando di eliminare quelle che non corrispondono più ai nostri tempi.

Tuttavia, per molti versi, è una lettera d'amore alla Francia e al ventesimo secolo, con le vite dei creatori Jean-Jacques Sempé e René Goscinny in primo piano, giusto?
Benjamin Massoubre:
Assolutamente sì, in modo molto consapevole. Volevamo trasmettere l'atmosfera di una Parigi di Saint-Germain, di de Beauvoir e Sartre, del teatro Olympia, tutto ciò che era nella coscienza collettiva di questo mondo all'epoca. Jacques Tati è stato un riferimento enorme, quando Nicholas va al campo estivo abbiamo persino copiato alcune scenografie da Les vacances de Monsieur Hulot. Un altro omaggio è quello a I 400 colpi, quando Nicholas e il suo migliore amico Alceste saltano la scuola. Se guardate bene quando passano davanti a un cinema, abbiamo anche messo la locandina.

Che tipo di pubblico avevate in mente per quanto riguarda l'età?
B.M.:
È un film per famiglie che si può guardare dai sette ai settantasette anni. Mio nonno lo ha letto a mio padre, mio padre lo ha letto a me, io lo leggo ai miei figli. Tutti gli spettatori, in Francia o all'estero, possono trovare qualcosa, dalle cose divertenti per i bambini alle cose più profonde che abbiamo cercato di raccontare pensando agli adulti, come l'olocausto che ha colpito la famiglia di Goscinny o l'infanzia violenta di Sempé. Nel film, Sempé e Goscinny raccontano le loro storie a Nicholas, quindi si tratta essenzialmente di un adulto che parla a un bambino in modo accessibile. Credo che funzioni bene.

Considerando la loro infanzia, Sempé e Goscinny hanno creato qualcosa di molto diverso per Nicholas, forse la loro infanzia perfetta?
B.M.:
Esattamente. Il sogno di un'infanzia che non hanno mai avuto. Li ha aiutati a superare i loro traumi. Per me e Amandine è un'ode alle gioie dell'infanzia, alla capacità di giocare e di crescere, alle meraviglie della narrazione e alla facilità dello sguardo di un bambino.
A.F.: E per sottolineare l'innocenza dell'infanzia in termini di capacità che ognuno di noi deve avere per vivere con il proprio bambino interiore, per non dimenticarlo mai e tenerlo sempre dentro di sé.

Come vi siete divisi i compiti in questo progetto?
B.M.:
Abbiamo fatto avanti e indietro, ma io sono originariamente un montatore, e sceneggiatore, quindi diciamo che tendo a occuparmi di più della parte narrativa.
A.F.:
Mi sono occupato del disegno e della direzione artistica e ho supervisionato le scenografie e i personaggi. Poi, quando abbiamo iniziato a girare…
B.M.:
... l'abbiamo fatto insieme. È stato molto facile.

Qual è stato il coinvolgimento di Jean-Jacques Sempé e della famiglia di René Goscinny?
A.F.:
Sempé compirà presto 90 anni, ma è venuto a consigliarci su alcuni personaggi che erano troppo brutti o troppo belli, in modo da farceli capire bene, è stato molto divertente e molto emozionante. Anne, la figlia di Goscinny, ci ha fatto entrare nel suo studio e abbiamo visto le tavole originali delle storie. È stato impagabile, così come incontrare Anne stessa, che ovviamente li conosceva entrambi fin dall'infanzia.

Quando avete incontrato per la prima volta Le petit Nicolas?
A.F.:
Da adolescente ho ricevuto questo libro in cui è in vacanza. L'ho tenuto accanto al letto per tutto il tempo della lavorazione del film.
B.M.: Credo che avessi sei anni, o cinque. Vengo da una famiglia di insegnanti che, di generazione in generazione, ha avuto Nicholas per imparare a leggere. Mio nonno è morto di recente, ma sapeva che stavo lavorando a questo film. Era molto contento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy