email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Concorso

Nikolaus Geyrhalter • Regista di Matter Out of Place

"Tutto ciò che produciamo o usiamo, prima o poi finisce per diventare spazzatura"

di 

- Il documentarista austriaco offre una visione multi-prospettica della gestione globale della spazzatura

Nikolaus Geyrhalter • Regista di Matter Out of Place

Matter Out of Place [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nikolaus Geyrhalter
scheda film
]
è il nuovo documentario del regista austriaco Nikolaus Geyrhalter, proiettato nel concorso internazionale del Locarno Film Festival. Abbiamo parlato con il regista delle ricerche fatte prima di girare il film, del processo di montaggio e dell'importanza di aumentare la consapevolezza di tutti su come affrontiamo il problema dei nostri rifiuti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Le immagini del tuo film suscitano sentimenti contraddittori. Da un lato, si è sopraffatti e disgustati dall'abbondanza di rifiuti che mostri. D'altra parte, c'è qualcosa di malinconico e affascinante nei rami ricoperti di plastica sulla riva, per esempio.
Nikolaus Geyrhalter: C'è un'estetica del brutto. In tutto ciò che è brutto c’è bellezza. Il film gioca su questo. I luoghi che vediamo sono affascinanti, ma non possiamo fermarci a guardare solo la superficie. Dobbiamo andare oltre. Tutto ciò che produciamo o utilizziamo finisce per essere spazzatura a un certo punto. Una volta che lo buttiamo via, non è sparito. Il processo inizia proprio in quel momento. Dietro c'è una grande industria e un'enorme quantità di persone che la subisce. In Europa abbiamo un modo relativamente ottimale per far fronte ai rifiuti bruciandoli e ricavandone energia. Ma non scompare del tutto.

Quanto sono durate la tua ricerche per il film?
A conti fatti abbiamo lavorato al film per cinque anni. La pandemia ha prolungato il processo. Abbiamo girato sei o sette settimane.

Come hai scelto i luoghi in cui hai girato?
Alcune location erano intercambiabili, altre no. Ad esempio, volevamo una discarica in un Paese meno sviluppato e un'unità di trattamento in Austria. Ma non doveva essere uno in particolare. Per quanto riguarda il festival “Burning Man”, non era possibile avere alternative e siamo stati molto fortunati a girare l'edizione tenutasi poco prima della pandemia. Nonostante ciò, la scena di apertura a Soletta, in Svizzera, è stata molto importante per noi. Mostra cosa possiamo trovare quando seppelliamo la spazzatura e scaviamo nel terreno decenni dopo.

Quanto tempo hai impiegato per individuare gli scenari che hai usato?
Era molto diverso da luogo a luogo. Abbiamo trascorso circa una settimana in ogni luogo, girovagando e cercando di assorbirlo. Avevo desideri e aspettative precisi, ma cerco sempre di lasciare che il luogo e le storie mi arrivino. A Kathmandu, ad esempio, siamo rimasti molto sorpresi di quanto sia difficile il viaggio dei camion della spazzatura verso la discarica durante la stagione delle piogge. Queste scene non erano pianificate, ma è importante essere aperti alle cose che accadono.

Fai un primo montaggio in macchina o raccogli prima il materiale?
Alla fine giriamo ovviamente molto di più di quello che utilizziamo e condensiamo il materiale. Ma il ritmo è dettato dalle riprese. Il montaggio avviene parallelamente alle riprese. Le riprese e il montaggio formano un circuito, perché dopo il montaggio di alcune scene o parti, dobbiamo fare altre ricerche per le scene successive che vogliamo girare.

Nel film eviti gli scambi di battute diretti con il protagonista. Ma com'è dietro la telecamera? Quanto è importante per te lo scambio personale?
Per me è molto importante avere una buona intesa con i protagonisti. Spesso ci sono barriere linguistiche, quindi principalmente i nostri interpreti comunicano con loro. È molto importante che tutti sappiano cosa accadrà e perché. Non filmiamo animali, giriamo all'altezza degli occhi delle persone. L'autista Rischka in Nepal, ad esempio, era preparato, lo abbiamo incontrato più volte ed è stato felice di far parte del film.

Hai avuto difficoltà a ottenere tutte le autorizzazioni di cui avevi bisogno?
Quello che vedi è dove ci è stato permesso di girare. Ho l'impressione che la pandemia sia diventata una scusa ideale per tenere lontane le troupe cinematografiche. Nel corso degli anni, e anche durante le riprese del mio film Earth [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nikolaus Geyrhalter
scheda film
]
, ho notato che le aziende si sono fatte sempre più chiuse. Ti fanno aspettare per anni, finché ti dimentichi. Ma può anche succedere il contrario. Per questo film abbiamo incontrato molte persone che ci hanno aiutato molto. Erano felici che finalmente qualcuno avrebbe potuto guardato più da vicino. Erano felici di essere osservati poiché spesso sono attori invisibili del sistema.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy