email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Concorso

Sylvie Verheyde • Regista di Stella est amoureuse

“Credo che gli adolescenti di oggi si sentano soli e abbiamo difficoltà nel trovare la loro vocazione"

di 

- La regista francese torna indietro nel tempo riflettendo sugli anni della sua giovinezza a più di un decennio dal suo primo film autobiografico Stella, il quale ebbe successo alla Mostra di Venezia

Sylvie Verheyde • Regista di Stella est amoureuse

Sylvie Verheyde, che ha presentato il suo settimo lungometraggio Stella In Love [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sylvie Verheyde
scheda film
]
al concorso internazionale del Locarno Film Festival, ha rivelato alcuni dettagli riguardanti il ​​suo legame personale con la trama del film, il processo di ricostruzione dell'epoca e le sue scelte estetiche.

Cineuropa: Ha iniziato il suo viaggio cinematografico autobiografico con Stella [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(presentato alle Giornate degli Autori di Venezia nel 2008), riflettendo sulla sua infanzia, mentre Stella In Love racconta la sua adolescenza. Perché ha deciso di tornare alla storia della sua vita?
Sylvie Verheyde:
Il primo film Stella è incentrato su una giovane ragazza proveniente da un ambiente non molto ricco e in procinto di entrare al liceo dove scopre un nuovo mondo, il mondo della cultura, mentre Stella In Love guarda a un'adolescente, una ragazza leggermente più adulta che sta abbandonando il background dei suoi genitori. Sente di non appartenervi più, ma non si identifica nemmeno con l'ambiente dei suoi amici. Ha bisogno di trovare la sua voce, il suo mondo, il suo posto nella vita. Credo che oggigiorno molti adolescenti si trovino parecchio soli e abbiano difficoltà a trovare la propria voce. Quando ero giovane, c'è stato qualche progresso per la mia generazione, ma ora si è fermato. Ecco perché spero che attraverso il mio viaggio gli adolescenti possano rendersi conto che trovare la propria strada è una responsabilità personale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È piacevole guardare un film di formazione che non anneghi nell'alcol, nella droga o nell'abuso sessuale. Si era davvero così innocenti negli anni '80?
Niente affatto, è solo il mio caso personale. In effetti, la droga era ovunque e Stella frequenta questo club popolare, Les Bains Douches, che è un ambiente rischioso, pieno di tossicodipendenti e prostitute. Tuttavia, non beve nemmeno poiché prova rigetto per quel comportamento. Preferisce cogliere l'aspetto positivo della vita che si riflette nel suo amore per la danza. La discoteca dove va a divertirsi è un punto d'incontro per diversi tipi di persone di diversa estrazione, quindi ci sono possibilità di socializzare con qualsiasi tipo di cerchia sociale. Quando fallisce l'ultimo esame scolastico, compare l'ansia che potrebbe incanalare verso un brutto viaggio: negli anni '80 c'era molta eroina, e a fine decennio c’era anche la minaccia dell'AIDS. È stato un periodo molto difficile in generale, ma secondo me questo club era un posto felice. Pertanto, il personaggio di Stella riesce a preservarsi.

È anche un film molto atmosferico, sembra che abbia fatto un grande sforzo per ricreare l'ambientazione vintage con quegli interni tipici, ecc. È stato difficile?
C'erano due elementi in questo processo. Innanzitutto, la ricostruzione storica dell'epoca non doveva diventare un altro personaggio del film perché la mia personale interpretazione era guidata da un sentimento interiore. A tal proposito, dovevo stare molto vicino alla percezione della protagonista. Ovviamente tutti i dettagli e i riferimenti al periodo dovevano essere molto precisi ma senza ossessionarsi. Ho puntato a rimanere più concentrata sul suo sguardo, il che è essenziale. Certo, mi sono occupata di scegliere i vestiti e i brani musicali giusti, ma non ho mai ricordato agli attori che stavano recitando in un film in costume. Volevo che agissero in modo naturale e spontaneo. L'unica volta in cui ho dovuto ricordare loro che stavano interpretando personaggi del passato era riguardo all'uso della lingua, in modo che non usassero lo slang contemporaneo.

Quali qualità cercava nella scelta delle attrici?
Il mio approccio ai provini e agli screen test è stato quello di assegnare loro dialoghi ma anche scene di ballo. Alcuni di loro sono professionisti, ma non tutti. Ho conosciuto Flavie Delangle, l'attrice che interpreta Stella, nella prima settimana e il suo stile di ballo mi ha convinto a sceglierla. Non è una professionista ma è a suo agio con il suo corpo e si muove in modo molto naturale. Avendo anch'io un background popolare, l'ho riconosciuto nel suo modo di parlare e nel linguaggio del corpo, che era importante per me.

Finanziare un film d'epoca quando non è necessariamente legato alla storia o alla politica non è facile, suppongo. Qual è stato il punto di forza del suo film?
È stato facile iniziare perché Stella è stato un successo e avevo già dimostrato la mia capacità di fare un film d’epoca in modo economico. Anche la popolarità del genere coming-of-age ha aiutato. Quello per cui ho dovuto lottare era l’entità del film: i produttori volevano un ballo più professionale in modo che alla fine potessero vendere il film anche alla televisione, mentre io insistevo per le scene non coreografate.

Stella In Love ha un finale aperto. Ha forse intenzione di fare una terza parte?
Non ci ho mai pensato, ma se mai la facessi, sarebbe su Stella che fa film. Dato che siamo a un punto di svolta e il cinema sta cambiando completamente, potrebbe essere un'opportunità per me per riflettere e fare una meditazione sullo stato dell'arte cinematografica al giorno d'oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy