email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Rain Tolk • Attore

Shooting Star 2007 - Estonia

di 

Rain Tolk • Attore

Rain Tolk è noto in Estonia come sorta di ‘Sacha Baron Cohen’, grazie al lavoro con il documentarista Andres Maimik— il falso show televisivo Esto TV, del 2000, nel quale interpretava un giornalista paranoico che intervistava veri politici e celebrità. Tolk e Maimik hanno fondato la loro casa di produzione Kuukulgur Film nel 2002.

Cineuropa: Recitare per lei è solo un lavoro “del tempo libero”, data la sua attività come giornalista, produttore, sceneggiatore e regista?
Rain Tolk: La mia carriera di attore è iniziata per gioco. Sette anni fa il mio amico Andres Maimik ebbe l’opportunità di mettere su uno show per la tv nazionale estone (Esto TV), e non avevamo tempo di pensare agli attori, e decidemmo di fare da soli. Fu una decisione spontanea. Non posso considerarmi un attore professionista, nel senso che non ho un background professionale, ma visto che è una cosa che faccio tutto l’anno, sono uno degli attori più professionali in Estonia!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Con la sua casa di produzione Kuukulgur Film, che tipo di progetti realizza? Ci parla di Autumn Ball, del quale è il protagonista?
Ho creato Kuukulgur Film con Andres Maimik. Il nostro obiettivo principale è il documentario, ma facciamo anche film di fiction. Autumn Ball, diretto da Veiko Õunpuu (attualmente in produzione), è basato sul romanzo dello scrittore esistenzialista estone Mati Unt. Il film mostra alcuni momenti scelti della vita di sei persone che abitano in un grande agglomerato di palazzoni costruito durante il periodo sovietico. Nel film interpreto uno scrittore mollato dalla moglie, che inizia a diventare psicotico. On riesce ad avvicinarsi all’amore senza cercare di intellettualizzarlo, e questa è una delle ragioni del suo fallimento.

Quali sono i suoi progetti principali per il 2007?
Al momento sto per terminare il mio esordio registico, 186 kilometres, che ho anche prodotto. Il film si basa sull’esperienza reale dell’attore estone Jan Uuspõld, che interpreta la parodia di se stesso nel film. Il cast è in parte professionista, in parte composto da celebrità locali (fra le quali il Presidente dell’Estonia Toomas Hendrik Ilves). Si tratta di un road-movie classico, ma anche di una storia universale che parla di alcol, gioco d’azzardo, bugie e di come l’immagine di una persona possa diventare un’immagine mediatica, invece di restare quella di un essere umano.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.