email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Laurent Cantet • Regista

"Niente era certo, ma la scommessa è stata vinta"

di 

Laurent Cantet • Regista

Alla presenza di tutto il cast di Entre les murs [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carole Scotta
intervista: Laurent Cantet
scheda film
]
, proiettato in competizione ufficiale al 61mo Festival di Cannes, il regista francese Laurent Cantet ha spiegato alla stampa internazionale com'è nata l'idea di trattare il tema della scuola al cinema mischiando fiction e documentario.

Che cosa l'ha attirata verso il libro di François Bégaudeau e il tema della scuola?
Laurent Cantet: la scuola è un luogo dove è difficile entrare se non si è professori o allievi. Ne avevo ricordi lontani e le visioni distorte di quello che mi raccontavano i miei figli. Avevo voglia di andare a vedere questo microcosmo dove si forma la società in cui viviamo. E il libro mi ha fornito il materiale che mi mancava. Volevo anche restare tra le quattro mura, di modo che questo piccolo mondo servisse da cassa di risonanza a ciò che succede fuori. Infine, il profilo del professore sintetizzava i tanti personaggi che avevo voglia di mettere in scena. E François Bégaudeau mi sembrava l'interprete ideale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Com'è riuscito a mischiare documentario e fiction?
Lavorando a lungo. Durante tutto l'anno scolastico che ha preceduto le riprese, abbiamo allestito un laboratorio alla scuola Françoise Dolto. Vi partecipavano studenti volontari dai 13 ai 16 anni e per tre ore a settimana improvvisavano, divertendosi. Questo ci ha permesso di conoscerci e di cominciare a formare il cast, ma è stato un lavoro lungo. Fino a pochi giorni prima delle riprese, i ruoli precisi non erano ancora assegnati. Con i professori ho fatto lo stesso. Volevo mostrare che loro insegnano, ma riflettono anche su ciò che accade a scuola. Il film è frutto di un anno di lavoro. La mia idea era che lo spettatore si chiedesse sempre se fosse una finzione o un documentario.

Quanto c'è di improvvisazione nel film?
Non lo so più neanch'io. Quando riguardo la sceneggiatura, trovo ciò che è stato girato ma con un surplus di vita, di energia che gli allievi e i professori vi hanno messo. Quando partiva una scena, François sapeva dove doveva andare e qualche personaggio sapeva che a un certo punto doveva dire una frase-chiave. Poi François cominciava la lezione e le tre cineprese riprendevano questa realtà. Talvolta interrompevo la scena e davo delle indicazioni. E anche se queste sembravano perdersi nel frastuono, quando si ripartiva c'erano tutte.

I suoi film rispecchiano il mondo senza dare risposte facili.
Voglio mostrare che siamo individui alle prese con il mondo, ma anche l'ingranaggio alla base di ciò che succede, pur non essendone padroni, né consapevoli. Ma si tratta anche della mia personalità: ascoltare e restituire precisamente. Abbiamo cercato, inoltre, di evitare l'ideologia: non mostrare la scuola, ma questa scuola; non la scuola come dovrebbe essere, ma questa scuola così com'è in quel dato momento. E sono contento che questo film sia in competizione a Cannes. Entre les murs è partito da una semplice esperienza. Niente era certo, ma la scommessa è stata vinta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy