email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Michal Drobny • Distributore

European Distributors: Up Next! - Slovacchia

di 

Michal Drobny • Distributore

Michal Drobny è il marketing manager del distributore slovacco Continental Film. Quest'anno per la prima volta sarà a San Sebastian dove spera di riuscire a stabilire contatti e poter riportare al suo governo informazioni utili, affinché questo possa offrire sostegno alla distribuzione cinematografica in Slovacchia. "Credo che ci siano molti paesi piccoli con gli stessi problemi," dice.

La Slovacchia registra un totale di 2,5m – 3m presenze all'anno. "Con un film di successo registriamo tra 10,000 e 15,000 spettatori," afferma Drobny. "Un film come Harry Potter può totalizzare fino a 200,000 presenze."

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La Continental distribuisce all’incirca 30 - 40 film all'anno, e grazie sopratutto alla collaborazione con la Warner Bros, raggiunge una quota di mercato pari al 20% - 30%.

La Continental è come distributore slovacco partner della Hollywood Classic Entertainement, che spesso acquista in una sola volta i diritti per titoli europei e film d'autore per vari paesi dell'Est Europa. La Continental acquista invece altri titoli attraverso la negoziazione diretta con produttori, principalmente della Repubblica Ceca. Dronby raramente interviene a festival se non a quello di Berlino. Quest'anno parteciperà per la prima volta a quello di San Sebastian.

I margini sono abbastanza stretti per la Continental, che ogni anno si posiziona tra il 2° o 3° distributore migliore in Slovacchia. Dronby ammette di non invidiare quei distributori che limitano la loro attività a film d'autore. "Non riesco a capire come riescano a sopravvivere con quel genere di vendita", dice.

La Continental detiene il 30% delle azioni della Cinemax, catena slovacca di multiplex, che a settembre aprirà a Korsice il suo nono cinema. Precedentemente la Continental gestiva il Kino Tatra, l'unico cinema d'essai a Bratislava, fino a quando il proprietario del complesso decise di trasformare lo spazio in un'area congressuale.

Per una piccola parte del budget operativo a disposizione, la Continental può contare su finanziamenti pubblici. Il Ministero della Cultura Slovacco infatti offre un sostegno di SKK 160,000 (€5,500) per la distribuzione di film Europei. "Questo copre la spesa per sostenere i costi di due o tre copie" ci spiega Drobny.

La Continental inoltre riceve fondi attraverso lo schema di supporto finanziario del programma MEDIA, ricevendo per i film Europei in media 40 – 60 centesimi a ingresso.

Dorny spiega che nonostante il sostegno pubblico venga accolto positivamente, raramente è sufficiente per i distributori. "Una copia di un film americano costa $300 [€210]. Per un titolo europeo, il prezzo è all'incirca $1,000–1500 [€700–1,000] per copia, in aggiunta ci sono le spese di marketing e dei sottotitoli da sostenere," dice. "Non dobbiamo meravigliarci se i film americani circolano ovunque."

Di conseguenza in Slovacchia la distribuzione viene assicurata solo per pochi film europei. In particolare, la Ciremax, attraverso il suo programma Artmax, promuove una cinematografia europea e d’autore, per cui una volta a settimana vengono proiettati film indipendenti, a volte anche gratuitamente. Attualmente la selezione comprende film come Good Bye, Lenin! [+leggi anche:
trailer
intervista: Wolfgang Becker
scheda film
]
, La Vita Segreta delle Parole [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Isabel Coixet
scheda film
]
, L’Arte del Sogno [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Volver [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Agustín Almodóvar
intervista: Carmen Maura
intervista: Pedro Almodóvar
intervista: Pénélope Cruz
scheda film
]
e Angel [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

La Continental e la Cinemax, con la collaborazione dell'Ambasciata Spagnola, hanno in programma gli Spanish Days, che si svolgeranno a novembre nelle sale della Cinemax per celebrare il cinema spagnolo.

Dronby confida che il cinema digitale potrà aiutare i piccoli distributori, anche se, ci vorranno da cinque a dieci anni almeno, prima che le grandi major definiscano una struttura comune. Anche allora, i costi per convertire gli schermi saranno impegnativi per il settore privato. “I costi per l’installazione di un sistema digitale 2K si aggirano tra 3m–4m [€100,000–132,000], si tratterebbe quindi di una grande somma,” dice. “Siamo disposti ad investire ma ci vorrà molto prima di vedere un ritorno su quell’investimento.”

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy