email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Premi / Lussemburgo

Il cinema locale in vetrina alle Journées du Film Luxembourgeois

di 

I Filmpräis, Premi nazionali lussemburghesi assegnati biennalmente, saranno consegnati nel corso di una cerimonia che si terrà a Lussemburgo il 4 dicembre. L’evento sarà preceduto dalle Journées du Film Luxembourgeois (“Giornate del cinema lussemburghese”), vetrina delle recenti (co-)produzioni locali in corsa per i riconoscimenti.

L’appuntamento sarà aperto il 17 novembre dall’anteprima del film House of Boys, debutto di Jean-Claude Schlim, prodotto da Delux insieme alla tedesca Elsani Film. Il film narra la storia di un ragazzo gay che si reca ad Amsterdam negli anni ’80 e si confronta con una nuova malattia quando inizia a lavorare in uno strip club. Il film sarà regolarmente distribuito dal 20 novembre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

L’altra grande produzione, Dust di Max Jacoby, sarà presentata in anteprima lussemburghese il 25 novembre. Prodotta da Red Lion, la pellicola racconta un triangolo amoroso in un mondo post-apocalittico, e sarà proposta in anteprima mondiale al Pusan Film Festival (leggi news).

Le Journées presenteranno anche due attese co-produzioni locali: il melodramma sui bambini francesi Nous Trois di Renaud Betrand, co-prodotto da Paul Thiltges Productions (leggi news), ed il dramma sportivo belga The Boat Race [+leggi anche:
trailer
intervista: Bernard Bellefroid, regist…
scheda film
]
di Bernard Bellefroid, supportato da Samsa Film. Quest’ultimo è stato proiettato in anteprima mondiale al Festival del Film di Roma (leggi news).

I Filmpräis andranno al film o co-produzione lussemburghese nelle sale tra il 2008 e il 2009. Le categorie includono quest’anno Miglior Film, Documentario, Film d’Animazione e Co-produzione, oltre a Miglior Risultato Artistico e Tecnico e Premio del Pubblico.

La giuria è composta dall’attrice Désirée Nosbusch, dal membro della Commissione Europea Viviane Reding, dall’esercente Nico Simon, dal direttore della fotografia Klaus Peter Weber, dal giornalista cinematografico (e corrispondente di Cineuropa) Boyd van Hoeij, dal regista Dan Wiroth e dal docente universitario Frank Wilhelm.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy