email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

My Queen Karo: la nascita della generazione post-hippie

di 

My Queen Karo: la nascita della generazione post-hippie

My Queen Karo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, ode della regista belga Dorothée van den Berghe al passaggio all'età adulta negli anni ‘70, è uno dei dodici titoli in corsa per la Freccia di Cristallo del Les Arcs European Film Festival.

I dolori e le prime responsabilità sono i temi ricorrenti dei film in concorso al festival, che si svolge sulle Alpi francesi e la cui prima edizione si conclude domani.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come nel suo apprezzato film del 2002, Girl, il semi-autobiografico My Queen Karo ha una protagonista femminile al centro: Karo (Anna Franziska Jager) ha dieci anni e vive in un appartamento occupato ad Amsterdam, nel 1974, col padre fiammingo ( Matthias Schoenaerts) e la madre vallone (Deborah François, già squatter a Londra in un altro film in concorso al Les Arcs, Unmade Beds [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
).

Cresciuta in un ambiente così liberal, la bambina impara presto che la strada dei genitori hippie non porta alla felicità. I genitori infatti — e soprattutto il padre — hanno molti ideali, incompatibili però con le loro emozioni.

La giovane Karo rappresenta la genesi della generazione post-hippie, e la traiettoria della sua maturazione è parallela alla realizzazione, da parte della generazione hippie, dell’impossibilità di far andare il mondo avanti sulla sola base degli ideali di pace e amore.

Con una macchina da presa impressionistica e agile, il direttore della fotografia Jan Vancaillie pone gli spettatori dentro il mondo chiuso della comune, che il production designer Gert Stas trasforma in uno squallido spazio, a suggerire la sua breve durata. Prodotto da Caviar Films, IdtV Film e Tarantula, il film è uscito nelle Fiandre il 28 ottobre per KFD ed è ancora in sette sale. La co-produzione belga-olandese sarà distribuita nei Paesi Bassi da Filmmuseum dall’11 febbraio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy