email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

MERCATO Francia

Wide Management punta su All That I Love al Sundance

di 

In lizza nella sezione competitiva World Cinema Dramatic del Sundance Film Festival, al via da oggi a Park City, il lungometraggio polacco All That I Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jacek Borcuch figura in prima linea sulla line-up della società francese di vendite internazionali Wide Management. Premio del pubblico all'ultimo festival del cinema polacco di Gdynia, il nuovo film del regista di Kalafiorr (2000) e Tulipane (2005) è uscito nelle sale polacche venerdì scorso. Prodotto da Prasa & Film, All That I Love racconta le disavventure di un diciottenne che mette su una band punk-rock nella primavera del 1981 in Polonia. Ma i massicci scioperi proclamati all'epoca da Solidarnosc fanno passare, agli occhi delle autorità, questa passione musicale per una pericolosa manifestazione di ribellione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La squadra di Loïc Magneron conta numerosi altri titoli europei sulla sua line-up, come The House of Branching Love [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del finlandese Mika Kaurismaki, Landscape N°2 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Vinko Möderndorfer (candidato sloveno all’Oscar 2010 del miglior film straniero) e il lungometraggio irlandese Eamon [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Margaret Corkery. Vi figurano anche il documentario La vida loca [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del compianto regista francese Christian Poveda, la docu-fiction The Belgrade Phantom del serbo Jovan B. Todorovic, Tars of april di Aku Louhimies (con le Shooting Star finlandesi 2010 e 2009 Pihla Viitala e Samuli Vauramo), il titolo svedese Burrowing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del duo Henrik Hellström - Fredrik Wenzel e la coproduzione tedesco-turco-olandese Men on the Bridge [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Asli Özge
scheda film
]
di Asli Ozge.

Wide Management punta anche su Gigola di Laure Charpentier, che ha adattato il suo romanzo pubblicato nel 2002 dopo essere stato censurato nel 1972. Interpretato da Lou Doillon, Eduardo Noriega, Rossy de Palma, Thierry Lhermitte e Marisa Paredes, il film, attualmente in post-produzione, è un'immersione sulfurea nell'universo dell'omosessualità femminile a Pigalle negli anni '60, con protagonista una giovane donna che entra in una spirale autodistruttiva dopo il suicidio della sua compagna. Guidato da Marie Amélie Production, Gigola ha Yorgos Arvanitis come direttore della fotografia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy