email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2010 Concorso

Uncle Boonmee, simbolo della co-produzione europea

di 

Uncle Boonmee, simbolo della co-produzione europea

Presentato ieri in concorso al Festival di Cannes, Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, del thailandese Apichatpong Weerasethakul, rappresenta perfettamente il ruolo che gioca l'Europa nella produzione di film di qualità provenienti da ogni parte del mondo e che sono in programma quest'anno sulla Croisette (vedi articolo). Co-prodotto da Francia, Regno Unito, Germania e Spagna, il lungometraggio è esportato da The Match Factory.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il finanziamento europeo ha anche permesso la realizzazione di Life Above All, di Oliver Schmitz (co-produzione tra Sudafrica e Germania, ed esportata dalla Bavaria), che è stato proiettato nella sezione Un Certain Regard come Octubre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, dei registi Daniel e Diego Vega (Venezuela, Perù, Spagna).

Bi, Don’t Be Afraid [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del vietnamita Phang Dang Di, che ha debuttato alla Settimana internazionale della critica, ha potuto beneficiare del sostegno di Francia e Germania, mentre alla Quinzaine des réalisateurs è stato scoperto The Light Thief [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del chirghiso Aktan Arym Kubat, una co-produzione tra Germania, Francia e Olanda.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy