email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2010 Mercato / Francia

Due premi e una Palma per Pyramide

di 

Due premi e una Palma per Pyramide

Con il Premio della Giuria conquistato al 63mo Festival di Cannes dalla coproduzione franco-belga Un homme qui crie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del ciadiano Mahamat-Saleh Haroun (articolo - esce in Francia il 29 settembre) e la Caméra d’Or guadagnata dal film messicano Année bissextile, la line-up della società francese di vendite internazionali Pyramide ha assunto nuove dimensioni e le offerte dei distributori sono ripartite in quarta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Pyramide ha anche messo a segno un buon colpo sul fronte distribuzione, con l'acquisizione, il mattino precedente l'annuncio del palmarès cannense, della Palma d'Oro Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del thailandese Apichatpong Weerasethakul, che lancerà il primo settembre sugli schermi francesi.

"Il nostro mercato cannense è stato piuttosto corretto, in un ambito difficile per i film d'autore", ha dichiarato Eric Lagesse a Cineuropa. "Le trattative sono più lunghe, i distributori sono molto prudenti, hanno bisogno di sentirsi sostenuti dalle televisioni e dagli esercenti, e non acquistano per semplice passione. Al di là del nostro caso, e sebbene qualche film come Des hommes et des Dieux abbia registrato ottime vendite, il mercato è sempre teso".

Un homme qui crie, che è stato acquisito per Benelux (Cineart), Svizzera (Trigon), Grecia (Ama Films) e diversi territori sudamericani, è in trattative molto avanzate per Regno Unito e Stati Uniti. Pyramide ha anche venduto quasi tutti gli altri titoli selezionati a Cannes per Paesi Bassi, Svizzera e Belgio.

E così, Belle Epine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della francese Rebecca Zlotowski è stato acquisito da CNC per i Paesi Bassi, e La Mirada invisible [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Diego Lerman da Contact Film per lo stesso paese e da Trigon per la Svizzera e per quasi tutta l'America del sud. Infine, Cosa voglio di più [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'italiano Silvio Soldini è stato venduto in una trentina di territori, mentre The Mission of the Human Ressources Manager di Eran Riklis ha ottenuto, con il promo, ottimi risultati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy