email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Germania

Il cinema tedesco vecchio e nuovo a Mosca

di 

Il 32° Moscow International Film Festival, che si è aperto la scorsa settimana e si svolgerà fino al 26 giugno, propone varie produzioni e co-produzioni tedesche nei suoi vari programmi. Berlin, Boxhagener Platz di Matti Geschonnek e The Albanian di Johannes Naber sono in corsa nella Competizione Internazionale, e Bedways [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di RP Kahl nel Concorso International Perspectives.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Programma Free Thought Documentary Cinema presenta A Film Unfinishshed di Yael Hersonski, Bananas! [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Frederik Gertten, The Woman With The Five Elephants [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Vadim Jendreyko e Pianomania [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lilian Franck e Robert Cibis.

Il Leone d’Oro di Samuel Maoz, Lebanon [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, è inserito nella sezione 8½ Films, la retrospettiva Claude Chabrol. 8 from 71 propone tra i suoi otto titoli A Judgement In Stone, mentre Nostalgia For The Light di Patrizio Guzman è nella sezione Focus on Chile.

Films Around the World presenta When We Leave [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Feo Aladag
intervista: Feo Aladag
scheda film
]
di Feo Aladag, The Hairdresser [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Doris Doerrie e Max Schmeling di Uwe Boll.

Moscow Euphoria — FIPRESCI Choice ha selezionato la co-produzione austriaca-francese-tedesca Lourdes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jessica Hausner
scheda film
]
di Jessica Hauser, David Wants to Fly [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di David Sieveking, mentre The Journey to Metropolis di Artem Demenok sarà proiettato in Atelier e L’uomo nell’ombra [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Roman Polanski come Proiezione Speciale.

Il Festival ripropone inoltre classici come U-Boot 96, Il matrimonio di Maria Braun di Fassbinder, Per qualche dollaro in più e Il buono, il brutto e il cattivo di Sergio Leone, Gli innocenti dalle mani sporche di Chabrol e La battaglia della Neretva di Veljko Bulajič.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy