email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Polonia

Era News Horizons lancia uno Studio per giovani professionisti

di 

Per la prima volta nella storia del festival Era New Horizons, gli organizzatori allestiranno dei laboratori per giovani professionisti dell'industria cinematografica: il New Horizons Studio. Dal 26 al 29 luglio vi si terranno lezioni sul funzionamento del mercato internazionale (pitching, promozione dei film, strategie dei festival, vendite internazionali) e i partecipanti potranno lavorare anche su progetti individuali.

Tutte le sessioni e le conferenze saranno animate da esperti provenienti da diversi paesi, come la produttrice Julie Baines (Dan Films), la venditrice internazionale Tine Klint (LevelK) e Rik Vermeulen (direttore esecutivo del festival Transylvania e consulente del festival di Rotterdam). Il programma, che prevede master class guidate dal regista turco Nuri Bilge Ceylan e da Jonathan Caouette (Tarnation), è stato elaborato da Sandy Lieberson (direttore di Film London e collaboratore di Talent Campus), che parteciperà anche alle conferenze. La manifestazione è co-organizzata da Media Desk Polska, con i partner Michael Ihlein e Gosia Dobrowolska.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il programma del concorso internazionale dei film sull'arte metterà in luce soggetti cari ai professionisti del cinema, come il processo di creazione, le fonti d'ispirazione e la ricezione dell'opera da parte del pubblico, con Archipels Nitrate di Claudio Pazienza (premiato al festival di Montreal 2010), un montaggio poetico di centinaia di estratti da film dell'anteguerra, o Themerson&Themerson di Wiktoria Szymańska, centrato su una leggendaria coppia di artisti polacchi, registi di film d'avanguardia negli anni '30. Diversi ospiti condivideranno le loro esperienze professionali nell'ambito della sezione New Horizons of Film Language (focalizzata quest'anno sull'immagine). Da segnalare, tra gli altri, la presenza di Peter Mettler (Petropolis), César Charlone (Blindness), Pierre-Paul Renders (Thomas est amoureux) e Peter Hjorth (The Boss of It All).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.