email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA Francia

Rivoluzioni tecnologiche agli Incontri di Digione

di 

Rivoluzioni tecnologiche agli Incontri di Digione

È necessario un nuovo “e-deal” per il cinema? Analizzando la convergenza degli schermi e anticipando il futuro degli obblighi di finanziamento della produzione, delle esclusive, della diversità e delle politiche culturali francesi ed europee, gli Incontri Cinematografici di Digione organizzati dall'ARP (società civile degli Autori-Registi-Produttori - leggi l’intervista alla delegata generale Florence Gastaud) cominciano oggi alla presenza di 600 professionisti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Sotto la presidenza del regista Bertrand Tavernier, l’edizione 2010 proporrà quattro dibattiti (leggi l’articolo) nel corso di tre giornate che saranno anche un'occasione per celebrare il 20mo anniversario della manifestazione. Tra i partecipanti si distinguono rappresentanti di YouTube, Dailymotion, SFR, Samsung e Sony, ma anche Rodophe Belmer (direttore generale di Canal +), Rémy Pflimlin (nuovo presidente generale di France Télévisions), Vincent Grimond (presidente direttore di Wild Bunch), John Woodward (che ha di recente lasciato il suo posto di direttore generale dell'UK Film Council per raggiungere Arts Alliance) e Jean-Pierre Decrette (direttore dello sviluppo di EuroPalaces).

I dibattiti vedranno inoltre la partecipazione di Marc Tessier (presidente del Sindacato degli editori di video on demand), Richard Patry (vice-presidente della Federazione degli Esercenti), Jean-Marc Laccarère (Direct Cinéma, nuova filiale destinata ad alimentare DirecTV e Virgin17, i due canali TNT del gruppo Bolloré), Olivier Wotling e Anne Durupty per il CNC, gli economisti Laurent Creton e Olivier Bomsel, così come i produttori Marie Masmonteil (Elzévir Films e presidente del Sindacato dei Produttori Indipendenti), Alain Rocca (Lazennec Productions e presidente di Universciné) e Alain Benguigui (Sombrero Films). Anche il ministro della Cultura Frédéric Mitterrand farà un intervento.

I principali operatori delle industrie tecniche saranno presenti agli Incontri di Digione, così come i dirigenti delle filiali cinema dei canali TV, i fondi regionali ma anche parecchi registi (Christian Carion, Claude Lelouch, Christophe Barratier, Abdherrahmane Sissako, Jean-Paul Rappeneau, Volker Schlöndorff, Frédéric Sojcher, Michel Leclerc…), produttori (LGM Cinéma, Delante Films, Moby Dick Films, Epithète, Cinéma de Facto, Karé Productions, Gloria Films, Pandora Films, Gaumont, KG Productions…) e attori (Gaspard Ulliel e Melvil Poupaud), senza dimenticare Antoine de Clermont-Tonnerre (presidente di Unifrance), Véronique Cayla (direttrice generale del Centre National du Cinéma et de l’image animée (CNC)), Marc Lacan (direttore di Pathé Films, il nuovo polo di produzione e di distribuzione in Francia del gruppo) e Alain Sussfeld (direttore generale di UGC).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy