email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

Il cinema mediterraneo brilla a Montpellier

di 

De vrais mensonges di Pierre Salvadori (leggi l'articolo) aprirà questa sera a Montpellier la 32ma edizione del festival del Cinema Mediterraneo, che si chiuderà il 30 ottobre con Potiche [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di François Ozon. Nel menù della manifestazione figurano 49 film in concorso (lungometraggi, corti e documentari) e 51 film nel panorama (lungometraggi, corti e sperimentali), ma anche omaggi e retrospettive dedicate a Carmen Maura, Marco Ferreri, Ronit Elkabetz, Hiam Abbas e Dario Argento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra i 12 titoli in concorso, La prima cosa bella [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'italiano Paolo Virzi (candidato del suo paese all'Oscar 2011 del miglior film straniero), il concorrente veneziano La passione [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
del suo connazionale Carlo Mazzacurati, Black Field [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vardis Marinakis
scheda film
]
del greco Vardis Marinakis, la coproduzione turco-bulgara Kosmos [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Reha Erdem, Just Between Us [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Rajko Grlic (Croazia/Serbia/Slovenia), la coproduzione tedesco-serba The Woman with a Broken Nose [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Srdjan Koljevic, La Mosquitera [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dello spagnolo Agustí Vila e la coproduzione turco-greca Sac di Tayfun Pirselimoglu.

Tra le anteprime si distinguono quattro film francesi: Dernier étage gauche gauche di Angelo Cianci (leggi l’articolo), Toi, moi, les autres di Audrey Estrougo (news), Les femmes du 6ème étage di Philippe Le Guay e Le nom des gens [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Michel Leclerc (scoperto alla Settimana della Critica cannense - articolo).

In programma anche la coproduzione israelo-tedesco-franco-romena Il direttore delle risorse umane di Eran Riklis (premio del pubblico a Locarno), Baciami ancora [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'italiano Gabriele Muccino, Draquila, l’Italia che trema [+leggi anche:
trailer
Intervista Sabina Guzzanti [IT]
scheda film
]
della sua connazionale Sabina Guzzanti, The Strange Case of Angelica [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del maestro portoghese Manoel de Oliveira e Slovenian Girl [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Damjan Kozole.

Nel menù, inoltre, quattro lungometraggi spagnoli: Suspicious Minds di Carlos Martín Ferrera, A la dériva di Ventura Pons, Desechos di David Marqués ed Elisa K. [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del duo Judith Colell - Jordi Cadena. Da segnalare, poi, quattro titoli italiani: Hai paura del buio [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Massimo Coppola, Basilicata coast to coast [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rocco Papaleo
scheda film
]
di Rocco Papaleo, 18 anni dopo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Edoardo Leo e I giorni della vendemmia di Marco Righi.

Il nutrito cartellone include infine 4 Black Suits del greco Renos Haralambidis, Motel Nana del serbo Predrag Velinovic e Vavien dei turchi Durul e Yagmur Taylan.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy