email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BOX OFFICE Spagna

Los ojos de Julia conquista il pubblico

di 

Dopo 16 giorni di programmazione, Los ojos de Julia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è riuscito ad attestarsi a poco meno di 4,7 milioni di euro d'incasso ed è molto probabile che supererà i 6,9 milioni di Que se mueran los feos, diventando il film spagnolo di maggiore successo del 2010. Anche se non raggiungerà fenomeni come Ágora [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(20,4 milioni di euro nel 2009) o El orfanato [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(24,3 milioni nel 2007), il film di Guillem Morales è una boccata d'ossigeno per il cinema spagnolo, sempre bisognoso di buone notizie.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dopo aver occupato per due settimane consecutive il primo posto al box office, Los ojos de Julia è passato in seconda posizione, nonostante sia la critica che i professionisti presenti al Festival di Sitges, dove era stato proiettato in apertura, avessero riservato al film un'accoglienza che andava dal tiepido al freddo. Non proprio la situazione ideale per un film di genere.

L'ultimo quadrimestre dell'anno è da diversi anni il periodo scelto da produttori e distributori per lanciare le produzioni spagnole più forti. Il 2010 non fa eccezione. Quest'anno, si è passati da esiti modesti (Lope [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Buried [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rodrigo Cortés
scheda film
]
, El gran Vázquez [+leggi anche:
trailer
intervista: Óscar Aibar
scheda film
]
) a insuccessi clamorosi (Amador [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Agnosia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, DiDi Hollywood [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, La tropa de trapo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), con alcune onorate eccezioni di distribuzioni limitate, come Pan negro (uscito in 75 copie, ha generato finora 640.000 euro di incasso in quattro settimane).

Passano i mesi, si susseguono mode, attori e registi del momento, ma il problema di autostima del cinema spagnolo entro le sue frontiere non si risolve. La prova più evidente è che non manca chi sostiene che il successo di opere come Los ojos de Julia sia dovuto proprio al fatto che sembrano essere uscite dagli studios di Hollywood e non da una qualsiasi casa di produzione di Madrid, Barcellona o Siviglia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy