email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BOX–OFFICE Francia

Inizio d’anno spumeggiante per i film francesi

di 

Inizio d’anno spumeggiante per i film francesi

Con il 44,8% di quota di mercato per i primi due mesi dell’anno, la produzione francese ha il vento in poppa e domina i film americani (40,6 %) mentre, secondo le stime del Centre National du Cinéma et de l’image animée (CNC), i lungometraggi degli altri paesi realizzano un 14,6%. Un inizio d’anno molto positivo per i film francesi, dovuto in gran parte a Rien à déclarer [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dany Boon (attualmente a 7,47 milioni di entrate in cinque settimane), Les femmes du 6e étage [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Philippe Le Guay (1,26 milioni di spettatori in tre settimane), Le fils à Jo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Philippe Guillard ( più di 1,2 milioni in tre settimane) e Largo Winch II [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jérôme Salle (1,18 milioni in tre settimane). Da segnalare anche, tra i film europei non francesi, un risultato eccellente per Il discorso del re [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tom Hooper
scheda film
]
di Tom Hooper (2,14 milioni di entrate in cinque settimane).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Dopo un mese di gennaio particolarmente difficile che ha registrato un -24,7% a causa del confronto con il fenomeno Avatar, registrato nello stesso periodo l’anno precedente, la frequentazione delle sale francesi è aumentata in febbraio con 21,54 milioni di entrate, ovvero un aumento del 5% rispetto a febbraio 2010. Il cumulo per i due primi mesi del 2011 corrisponde a 35,97 milioni, con una differenza in negativo del 9,2% rispetto ai primi due mesi del 2010.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy