email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Polonia

Il meglio del cinema polacco a Gdynia

di 

25 lungometraggi tra i più recenti della produzione polacca saranno presentati al 36mo Festival del Cinema Polacco di Gdynia, che comincia oggi e si chiuderà l'11 giugno. I 12 titoli della competizione ufficiale saranno valutati da una giuria presieduta dal regista Pawel Pawlikowski (il cui nuovo film, La Femme du Vème, arriverà sugli schermi il prossimo novembre), affiancato dal regista israeliano Ari Folman, dall'attrice Maja Ostaszewska, dal regista d'opera Mariusz Treliński e da Ludmilla Cvikova, selezionatrice del festival di Rotterdam. I Leoni di Platino alla carriera saranno consegnati quest'anno a Roman Polanski e a Tadeusz Konwicki.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La metà dei film in lizza nella categoria principale sono opere prime o seconde, firmate da Adrian Panek (Daas), Leszek Dawid (My Name is Ki), Rafael Lewandowski (The Mole), Bartosz Konopka (Fear of Falling) e Jan Komasa (Suicide Room [+leggi anche:
trailer
intervista: Jakub Gierszal - Shooting …
intervista: Jan Komasa
scheda film
]
). Sono in lizza anche titoli già usciti nelle sale polacche, come Black Thursday di Antoni Krauze, Essential Killing [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jerzy Skolimowski
scheda film
]
di Jerzy Skolimowski e Italiani [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lukasz Barczyk, ma anche i nuovi lungometraggi di Barbara Sass (In the Name of the Devil), Greg Zglinski (Courage), Lech Majewski (The Mill and the Cross [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Lech Majewski
scheda film
]
) e Wojciech Smarzowski (Rose).

"Questi dodici film rappresentano il meglio del cinema polacco di quest'anno e possono essere mostrati agli spettatori di tutto il mondo", sottolinea Michal Chacinski, nuovo direttore del festival. Nel programma figura un'altra sezione competitiva composta da film delle scuole di cinema, che saranno valutati da una giuria internazionale presieduta dalla regista Paula Markovitch. Si segnala inoltre un Panorama del Cinema Polacco con nove titoli recenti, tra cui The Heritage di Andrzej Barański, Lynch di Krzysztof Lukaszewicz e The Winner di Wieslaw Saniewski. Infine, il Panorama del Cinema dell’Europa orientale e centrale è dominato dai film dei nuovi talenti ungheresi, e Agnes Kotsis (Adrienn Pal [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Agnes Kocsis, regista di P…
scheda film
]
) sarà l'ospite d'onore di questa edizione del festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy