email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Germania

Monaco festeggia l'estate con un ricco programma

di 

Monaco festeggia l'estate con un ricco programma

Da 29 anni Monaco festeggia l'arrivo dell'estate con un festival internazionale diventato il più importante della stagione in Germania, con oltre 65 000 biglietti venduti ogni anno, circa 2500 professionisti e 600 rappresentanti della stampa. Il Festival di Monaco, che si apre stasera con la proiezione de Il ragazzo con la bicicletta [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jean-Pierre e Luc Dardenne
scheda film
]
dei fratelli Dardenne (ospiti del festival) e si chiuderà il 2 luglio con la presentazione del vincitore del Premio FIPRESCI di Cannes Le Havre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aki Kaurismäki
scheda film
]
di Aki Kaurismäki, propone quest'anno circa 250 film in rappresentanza di oltre 50 paesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Programma internazionale comprende 71 titoli che ruotano attorno al tema dell'infanzia e del povero lascito alle generazioni future, come i titoli cannensi Corpo celeste [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Rohrwacher
scheda film
]
di Alice Rohrwacher e Atmen [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'austriaco Karl Markovics (premiato alla Quinzaine des réalisateurs), oltre a Wasted Youth del greco Argyris Papadimitropoulos.

La Spagna è rappresentata da sei film, tra cui Ballata dell'odio e dell'amore [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Álex de la Iglesia
scheda film
]
di Álex de la Iglesia e il vincitore catalano dei Goya Pa negre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Agustí Villaronga; il Portogallo da tre titoli, tra cui la lunga e animata passeggiata di Raúl Ruiz in Mistérios de Lisboa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Da citare anche, tra i lungometraggi selezionati in questa vasta sezione, Dad [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vlado Škafar
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
dello sloveno Vlado Škafar, La solitudine dei numeri primi [+leggi anche:
trailer
intervista: Luca Marinelli
scheda film
]
di Saverio Costanzo, la coproduzione franco-belga Hitler à Hollywood [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Frédéric Sojcher, The Look - Charlotte Rampling di Angelina Maccarone, il film ceco Mamas & Papas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alice Nellis, Principles of Life [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Constantin Popescu
scheda film
]
del romeno Constantin Popescu, Truth About Men [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del danese Nikolaj Arcel e Volcano [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'islandese Rúnar Rúnarsson.

Come ogni anno, una sezione è dedicata al nuovo cinema tedesco (con 17 titoli sugli effetti che la sordida società odierna ha sugli individui), un'altra al nuovo cinema francese (con dieci titoli tra cui il Premio della giuria cannense Polisse [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Maïwenn
scheda film
]
di Maïwenn, Impardonnables [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di André Téchiné e Film socialisme [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Godard).

La Svezia è celebrata quest'anno con nove film che illustrano la varietà degli approcci dei suoi giovani registi, tra cui l'apprezzato She Monkeys di Lisa Aschan, Play [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
intervista: Ruben Ostlund
scheda film
]
di Ruben Östlund e Easy Money [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Daniel Espinosa, thriller criminale tratto da un best-seller di Jens Lapidus. Una retrospettiva integrale è inoltre dedicata a Roy Andersson. Questa finestra di dodici film, sottotitolata "Il maestro dell'assurdo e genio del grottesco svedese", comprende anche un documentario sul regista di You, the Living [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pernilla Sandström
intervista: Roy Andersson
scheda film
]
.

Anche i vincitori del Premio CineMerit, Otar Iosseliani e John Malkovich, saranno oggetto di retrospettive, che si aggiungono alle tante altre sezioni e appuntamenti del festival. Anche se il Festival di Monaco non prevede la gara, diversi premi saranno assegnati al suo termine.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy