email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Belgio

Il pazzo mondo di Le Cochon de Madonna

di 

Il pazzo mondo di Le Cochon de Madonna

L'eccentrico Frank Van Passel torna sugli schermi belgi con una commedia completamente folle, Le Cochon de Madonna. Non si tratta della storia dell'animale da compagnia di una star planetaria della musica pop, ma di un maiale meccanico che anima il popolo di un villaggio ancora in preda ai fantasmi della Grande guerra. Alla fine, dei due pitch, il primo è forse il meno improbabile…

Conosciamo Van Passel dalla metà degli anni '90,quando il suo primo film, Manneken Pis, fu selezionato al Festival di Cannes. Il regista si inscrive allora nella vena poetico-burlesca di Toto le Héros di Jaco van Dormael. Ma bisogna attendere l'inizio degli anni 2000 perché torni con l'inaspettato Villa des Roses, adattamento di un romanzo storico. Poi, nel 2008 firma l'affresco per la televisione L’Empereur du Goût, un evento mediatico giacché la saga riesce ad appassionare sia neerlandofoni che francofoni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Con Le Cochon de Madonna, Van Passel torna alla vena burlesca. Tony, rappresentante commerciale di maiali inseminatori si perde nella voragine spazio-temporale che è il piccolo villaggio di Madonna. Il film, che ha ricevuto il sostegno del VAF, del CCA e di Wallimage/Bruxellimage, è prodotto da Caviar, la società creata da Van Passel, e coprodotto da Climax Films. E' distribuito in 32 sale nelle Fiandre da Kinepolis Film Distribution.

Questa settimana sbarcano nelle sale anche cinque film francesi, e non da poco. Oltre Forces spéciales di Stéphane Rybojad e On ne choisit pas sa famille di Christian Clavier, escono La Source des femmes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Radu Mihaileanu, selezionato in competizione ufficiale a Cannes, ma anche due produzioni con interpreti belgi molto amati dal pubblico. Toutes nos envies [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Philippe Lioret segna il ritorno di Marie Gillain in un ruolo toccante, mentre Mon pire cauchemar [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anne Fontaine mette in scena una coppia inedita, Isabelle Huppert e Benoît Poelvoorde. Alternative punta molto su questo film, che esce in oltre 30 sale, di cui sette nelle Fiandre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy