email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BOX OFFICE Spagna

Un quarto di incassi in meno negli ultimi due anni

di 

- L'affluenza al cinema registra il risultato più basso degli ultimi undici anni. E continua la perdita di spettatori per la produzione nazionale

Un quarto di incassi in meno negli ultimi due anni

Come se il cinema spagnolo non avesse già abbastanza problemi in questi mesi (leggi la news), durante il primo trimestre del 2012 il botteghino ha sofferto una flessione del 18,5% rispetto al 2011 e del 27,7% rispetto al 2010, stando ai dati pubblicati da Rentrak. Da gennaio a marzo, il numero totale di spettatori è stato di 21,3 milioni, la cifra più bassa degli ultimi undici anni.

Il cinema spagnolo risulta particolarmente colpito da questa flessione. La sua quota di mercato si attesta al 12,7% (nel 2011 è stata del 15% [leggi la news]), ma questa cifra include il contributo del blockbuster statunitense L'ira dei Titani (foto), che grazie alla sua partecipazione spagnola (31%) conta come produzione nazionale (senza questo film, la quota sarebbe scesa all'11,2%).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nessuno dei film spagnoli usciti finora è riuscito a diventare un grande successo. Opere che all'inizio sembravano avere tutto per raggiungere un buon risultato al box office (come Luces rojas [+leggi anche:
trailer
intervista: Rodrigo Cortés
scheda film
]
di Rodrigo Cortés, che per l'occasione si è avvalso della partecipazione di Robert De Niro e Sigourney Weaver; [REC] 3 Génesis [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Paco Plaza; la commedia Promoción fantasma [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Javier Ruiz Caldera; e Katmandú, un espejo en el cielo di Icíar Bollaín) hanno avuto un rendimento che, senza poter essere considerato un flop, non supera un livello mediocre (oscillano tra 1,5 e 3 milioni di euro di incasso ciascuno).

E non sono mancate le uscite da considerarsi veri e propri flop dal punto di vista commerciale, come Extraterrestre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nacho Vigalondo
scheda film
]
di Nacho Vigalondo, Dictado [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Antonio Chavarrías, Lo mejor de Eva di Mariano Barroso e Silencio en la nieve [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gerardo Herrero
scheda film
]
di Gerardo Herrero (tutti distribuiti in più di cento copie e con incassi non superiori al mezzo milione di euro).

Ma al di là della fragilità delle cifre, l'aspetto più negativo è il pessimismo che pervade il settore: il pubblico continua ad allontanarsi dalle sale e le istituzioni stanno smontando senza scrupoli un sistema che negli ultimi anni aveva trasformato quella spagnola in una delle cinematografie più dinamiche e sane d'Europa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy