email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA Portogallo

Il cinema portoghese in stato d'emergenza

di 

- 21 professionisti firmano “un ultimatum al governo” di Passos Coelho per la “situazione drammatica” che attraversa il cinema portoghese

Il cinema portoghese in stato d'emergenza

I registi Miguel Gomes (Tabu [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Miguel Gomes
intervista: Miguel Gomes
scheda film
]
), João Canijo (Sangue do meu sangue [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Gonçalo Tocha (It’s in The Earth, not the Moon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), João Pedro Rodrigues (Morrer como um Homem [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), João Salaviza (Rafa) e i produttori Luís Urbano (O Som e a Fúria) e Pedro Borges (Midas Filmes) sono tra i 21 professionisti ad aver firmato “Il cinema portoghese: un ultimatum al governo”, una petizione contenente quattro rivendicazioni volte a cambiare la "situazione drammatica" in cui versa il cinema nazionale attuale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

"Dopo 10 mesi di governo” segnati dai tagli e da un'austerità quasi religiosa, “la vita del cinema portoghese è in pericolo”, affermano i firmatari. Nonostante i premi internazionali ricevuti di recente da diversi film e un nuovo fermento interno, soprattutto in merito all'applicazione di strategie di distribuzione alternativa, la produzione è paralizzata. I bandi di sostegno dell'ICA sono bloccati dall'inizio dell'anno e le sovvenzioni approvate nel 2010 e nel 2011 non sono state ancora attribuite ai loro destinatari. “Alcuni produttori stanno per chiudere", avverte il documento.

Un altro punto criticato è la nuova legge del cinema, "una promessa da mantenere". Il periodo di consultazione pubblica si è concluso il 30 aprile, dopo essere stato prorogato due volte. I professionisti sottolineano i suoi continui ritardi, negati dalla Segreteria di Stato della Cultura secondo cui tutto il processo legislativo dovrebbe concludersi a fine luglio.

In tale contesto, i professionisti strutturano le loro rivendicazioni in quattro punti:

1 – il governo deve trovare una soluzione d'emergenza alla situazione finanziaria dell'ICA in modo che possa disporre dei mezzi economici necessari per rispettare gli impegni presi con i produttori e approvati tra il 2010 e il 2011;

2 – l'omologazione dei bandi del 2011 da parte della Segreteria di Stato della Cultura e la sua formalizzazione contrattuale da parte dell'ICA;

3 – la divulgazione della versione definitiva della nuova legge del cinema e l'annuncio di una data per la sua approvazione in Consiglio dei ministri e successiva presentazione in Parlamento;

4 – la nuova legge dovrà ufficializzare i “contributi e gli investimenti di tutte le imprese che operano nel mercato del cinema e dell'audiovisivo” e rafforzare la "normativa di attribuzione del denaro pubblico al cinema attraverso concorsi pubblici e con giurati indipendenti”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy