email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2012 Germania

Peaches a Toronto

di 

- Peaches, artista dell’elettro-music e leggenda delle performance queer, nata in Canada ma attiva a Berlino, ha presentato il suo Peaches Does Herself a Toronto

Peaches a Toronto

Dopo Pina [+leggi anche:
trailer
intervista: Wim Wenders
scheda film
]
di Wim Wenders, la Germania torna al film musicale con un’opera totalmente diversa: Peaches Does Herself [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentata in prima mondiale al Toronto International Film Festival.

Peaches, nata Merrill Beth Nisker a Toronto, è da anni in Germania, ed è una delle performer più trasgressive del circuito, in grado di stravolgere le regole delle sue opere nei testi, nella teatralità e nella rappresentazione di genere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nel film, che mette in scena una storia semi-autobiografica, Peaches presenta le opere di tutta la sua carriera, come gli album “Teaches of Peaches,” “Fatherfucker” e “Impeach My Bush” — e si comprende subito che i testi saranno provocatori, sexy e interessati alla disuguaglianza di genere.

Nel corso dello show, girato sul palcoscenico dell’Hau Theater di Berlino, accetta il consiglio di una cowgirl e spogliarellista americana 65enne e inizia a realizzare canzoni sessualmente esplicite. Nel tempo, si trasformerà in transessuale, si innamorerà di un altro trans e dopo la delusione inizierà una ricerca ancora più spirituale.

Le performance di Peaches — che portano sulle scene suggestivi e talora oltraggiosi costumi che vanno dal glam-rock a John Galliano — sono diventate una delle principali ispirazioni per Lady Gaga. Il film presenta una girandola di musica, numeri vocali eccezionali e testimonianze di musicisti e ballerini che formano un unico ‘animale gay’ vivente.

Il film è prodotto dalla tedesca I U She Productions, guidata da Peaches stessa, in collaborazione con l’HAU Theater.

A Toronto, Peaches presenta inoltre un’installazione, che resterà all’Hotel Drake per tutta la durata del festival, dall’appropriato titolo Peaches Does the Drake.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.