email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Italia

Primo ciak a Napoli per Take Five di Guido Lombardi

di 

- Il secondo lungometraggio dell’autore di Là-bas racconta una rocambolesca rapina compiuta da cinque uomini e la loro fragile alleanza. Tra i protagonisti, Salvatore Striano (Cesare deve morire)

Primo ciak a Napoli per Take Five di Guido Lombardi

Cominciano oggi a Napoli le riprese di Take Five, nuovo film di Guido Lombardi dopo l’apprezzatissimo esordio Là-bas - Educazione criminale [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guido Lombardi
scheda film
]
(Leone d’oro del Futuro a Venezia 2011 e miglior film della Settimana della Critica - leggi la recensione). Prodotto da Gaetano Di Vaio per Figli del Bronx, Gianluca Curti per Minerva Pictures Group, Dario Formisano per Eskimo, con RaiCinema, il film è ambientato interamente a Napoli e racconta una rocambolesca rapina compiuta da cinque uomini e la loro fragile alleanza.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Gaetano (Gaetano Di Vaio) è un rapinatore che ha scontato diversi anni di carcere e ora fa il ricettatore. Peppe detto ‘O Sciomèn (Peppe Lanzetta) è una leggenda del quartiere, anche lui ex detenuto per rapina, depresso. Ruocco (Salvatore Ruocco, già in Gomorra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Domenico Procacci
intervista: Jean Labadie
intervista: Matteo Garrone
scheda film
]
) è un pugile costretto agli incontri clandestini. Striano (Salvatore Striano, protagonista di Cesare deve morire [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo e Vittorio Taviani
scheda film
]
) è un fotografo e boss di nuova generazione. Carmine (Carmine Paternoster) è un operaio comunale addetto alle fogne. Una mattina si ritrova nel caveau del Banco di Napoli a causa di una perdita alla rete fognaria. E gli viene un'idea.

Per il regista, Take Five è “la storia di cinque ‘irregolari’ che hanno un sogno comune, quello di arricchirsi. Senza soldi sanno di non essere nessuno. E li cercano ossessivamente, pur destinati a fallire”. La fragile alleanza che li unisce fino al momento della rapina entra in crisi quando Gaetano, che ha riunito la banda, scompare con il bottino milionario. “Messi sotto pressione, chiusi in una stanza per ore, viene fuori il loro vero carattere, la loro forza o vulnerabilità, ma soprattutto la loro solitudine. E nessuno si fida dell’altro”. Take Five si trasforma così in un gioco al massacro, nel quale un po' alla volta vengono a galla i segreti dei rapinatori. Segreti che possono essere difesi soltanto uccidendo chi ne è venuto a conoscenza.

Le riprese dureranno sei settimane. Immagini dal set e aggiornamenti sulla produzione sono disponibili sul blog ufficiale del film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy