email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Polonia

Imagine: guardare a occhi chiusi

di 

- Kino Swiat lancia oggi il nuovo film del talentuoso Andrzej Jakimowski con protagonisti Edward Hogg e Alexandra Maria Lara

Imagine: guardare a occhi chiusi

Con Tricks [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Jakimowski
intervista: Tomasz Gąssowski
scheda film
]
(attrazione dei Venice Days 2007) e Squint Your Eyes (2003), Andrzej Jakimowski ha convinto i critici e il pubblico del suo talento da regista capace di far emergere la metafisica anche dalla quotidianità più ordinaria. Lo dimostra con maggior convinzione in Imagine [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, sua nuova opera, lanciata oggi nelle sale polacche da Kino Swiat International.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il protagonista del film è Ian (l’inglese Edward Hogg, ammirato in Anonymous [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Il cast di Anonymous di Ro…
intervista: Rhys Ifans
intervista: Roland Emmerich
scheda film
]
e Bunny and the Bull [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), istruttore di orientamento spaziale che arriva in una rinomata clinica oftalmica di Lisbona dove deve condurre una terapia. Tra i pazienti affetti da cecità incontra Eva (la tedesca d’origine rumena Alexandra Maria Lara, ammirata di recente in Lullaby Ride [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christoph Schaub
scheda film
]
), una giovane donna che nasconde il suo handicap. Ian pratica metodi non approvati dall'équipe della clinica, ma guadagna la fiducia dei suoi pazienti.

Sorta di omaggio alla forza dell'immaginazione umana, il film è particolarmente apprezzabile dal punto di vista dell'interpretazione. All'ultimo festival di Varsavia, dove Imagine ha vinto i premi della regia e del pubblico, Andrzej Jakimowski ha sottolineato l'impatto del cast, composto principalmente da attori britannici e portoghesi: "Dopo le prime proiezioni, ho constatato quanto l'interpretazione fosse percepita positivamente: molti spettatori credevano che gli attori principali fossero realmente i personaggi che interpretavano".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy